Quantcast

Le rubriche di Lucca in Diretta - in Regione

Vittima di phishing si rivolge ai carabinieri, scovato il truffatore informatico

Spariti dal conto corrente 5mila euro i militari sono risaliti al beneficiario

Ancora un caso di phishing. Questa volta nel grossetano.

I carabinieri di Scarlino al termine di una veloce indagine hanno denunciato a piede libero un 25enne residente in provincia di Napoli, per una frode informatica commessa ai danni di un cittadino di Scarlino.

L’uomo aveva alcuni giorni prima parlato con la sua banca, dove ha attivo un conto corrente, aggiornando alcuni dati utili per la prosecuzione del rapporto. Il giorno seguente, ha ricevuto sul proprio telefono cellulare un messaggio, proveniente apparentemente dalla propria banca, dove venivano fornite istruzioni per proseguire ad operare on line . La vittima ha quindi avuto accesso al link riportato nel messaggio seguendo le istruzioni, che lo rimandavano ad una telefonata con un operatore. La telefonata non si è fatta attendere: l’uomo è stato contattato da un’utenza associabile ad un numero verde (iniziava infatti con il prefisso 800), dove un sedicente operatore dell’istituto lo invitava a fornire i codici di accesso al conto. Cosa che la vittima, in assoluta buona fede, ha fatto.  L’operatore concludeva la telefonata avvisando la vittima che il conto sarebbe stato inattivo per 24 ore, e di attendere altre istruzioni. Trascorso questo termine e non avendo notizie, l’uomo si è recato nuovamente presso la sua banca, scoprendo che ignoti avevano effettuato un bonifico da circa 5000 euro.

Le immediate indagini dei carabinieri hanno consentito di individuare l’intestatario del conto corrente postale dove è confluito il bonifico, che pertanto dovrà rispondere di frode informatica. I Carabinieri hanno anche chiesto il blocco immediato della somma dal conto beneficiario, al fine di impedire che il provento della truffa diventi irrecuperabile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.