Quantcast

Comprano le auto ma il concessionario non le consegna: il caso finisce in procura… e in tv

Sono decine i clienti che dopo l'acquisto non hanno ricevuto le macchine. Nei guai anche il direttore delle vendite di origine garfagnina

Auto acquistate e mai consegnate. Un noto autosalone di Vecchiano in provincia di Pisa è finito al centro di una scandalo a causa della mancata consegna di veicoli regolarmente acquistati e addirittura pagati dai clienti. Della vicenda se ne sono occupate anche alcune emittenti televisive nazionali, nei programmi Mi manda Rai Tre e Le Iene.

L’offerta presentata è accattivante e in molti casi vengono pubblicizzate auto a chilometro zero, gentilezza e cortesia da parte dei venditori, ma dopo aver versato la caparra iniziano i rimandi della consegna. Rimandi che si fanno sempre più numerosi, fino a che gli acquirenti iniziano a pensare che qualcosa non torna e si insinua in loro il sospetto di essere al centro di una truffa. Le denunce nei confronti dell’autosalone si moltiplicano, a novembre dello scorso anno sono già una quarantina le persone che si sono presentate in procura. Anche su internet ci sono molte recensioni negative sull’autosalone in cui i clienti lamentano ritardi nelle consegne e autovetture mai arrivate.

La procura si è mossa a seguito di querela sporta da un cliente livornese e ha presentato l’atto di chiusura delle indagini a carico della titolare dell’autosalone. Nel centro del mirino è finto anche il direttore delle vendite, di origini garfagnine e che ha varie residenze nella piana di Lucca e a Cecina.

Adesso l’autosalone è chiuso ormai da mesi, secondo la titolare, intervistata nel programma Le Iene, i debiti accumulati si aggirano intorno ai 2 milioni e settecento mila euro e sono molti i clienti infuriati che stanno aspettando la restituzione dei propri soldi.

Qui il video del servizio delle Iene

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.