Quantcast

Undici clienti dentro il bar nonostante i divieti: tutti multati e locale chiuso cinque giorni

Weekend di controlli per i carabinieri di Castelnuovo: fioccano le multe per le violazioni di normative anti Covid

Durante la giornata di ieri (21 marzo) i militari della compagnia di Castelnuovo di Garfagnana, nel corso degli ordinari servizi svolti in tutta la Garfagnana e la Media valle del Serchio, per verificare il rispetto delle restrizioni relative al contenimento dell’epidemia da Covid 19, hanno eseguito i consueti controlli nei luoghi ritenuti più a rischio.

Le pattuglie messe in campo dal Nucleo Operativo e Radiomobile e dalle 11 stazioni, hanno battuto vie e piazze delle principali località del territorio, rivolgendo particolare attenzione ai bar, ai parchi e a tutti i luoghi usualmente frequentati dai giovani.

Tante le persone controllate così come sono stati diversi gli esercizi pubblici interessati dall’attività, al termine della quale sono state riscontrate e contestate 23 violazioni amministrative ad altrettante persone.

Ad 11 di esse, trovate riunite all’interno o nelle immediate adiacenze di un bar, è stata comminata una contravvenzione da 400 euro per non aver rispettato il divieto di assembramento o per aver consumato cibi e/o bevande all’interno dell’esercizio.

Anche il bar è stato sanzionato amministrativamente con una contravvenzione da 400 euro e con sanzione accessoria della chiusura dell’attività per cinque giorni poiché l’esercente non aveva rispettato l’obbligo di chiusura previsto per le 18  ed aveva permesso agli avventori la consumazione di bevande all’interno del locale.

Inoltre altre tre persone, di cui due in auto, sono stati sanzionati con contravvenzioni da 533,33 (per coloro a bordo di veicolo) e da 400 euro (per la persona a piedi), perché senza giustificato motivo non avevano osservato l’obbligo di permanere nel comune di residenza.

Infine 10 soggetti, di cui 9 in auto e 1 a piedi, sono stati sanzionati con contravvenzioni da 533,33 (per coloro a bordo di veicolo) e 400 euro (per la persona a piedi), perché senza giustificato motivo non rispettavano l’obbligo di permanere all’interno dell’abitazione nella fascia oraria prevista dalle 22 alle 5.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.