Quantcast

Tenta la truffa dello specchietto poi deruba l’automobilista: preso

Arrestato poco dopo dalla polizia grazie alla descrizione del malcapitato finito nel mirino

Ha tentato la truffa dello specchietto e poi ha derubato il 66enne che era finito nel suo mirino. È stato arrestato dalle volanti della questura di Lucca, Francesco Ragaccio, 40 anni, di Castro Filippo.

Stando a quanto ricostruito dalla polizia, l’uomo ha simulato lo scontro affrettandosi a chiedere 258 euro di risarcimento, ma la vittima ne aveva solo 120 e per una somma maggiore avrebbe preferito chiamare la polizia. Ma di fronte a quella affermazione l’altro gli ha strappato di mano il denaro e si è dato alla fuga a bordo della sua Giulietta bianca della quale la vittima è riuscito a vedere parte della targa.

Così ha chiamato il 113 e con i dettagli forniti, la volante, ha bloccato l’auto dopo una manciata di minuti. La perquisizione ha permesso di trovare i 120 euro, ancora nella tasca dei pantaloni del truffatore, nell’esatto taglio di banconote sottratte alla vittima, mentre nel portafogli, separatamente, teneva i suoi. La successiva individuazione fotografica ha confermato l’identità risultando fra l’altro residente in altra provincia. Motivo per il quale è stato anche sanzionato ai sensi della normativa anticovid. Stamattina nella direttissima arresto convalidato e divieto di dimora a Lucca fino al 6 aprile quando si andrà in dibattimento. L’uomo sarà raggiunto dal foglio di via obbligatorio dal Comune di Lucca per un periodo di tre anni.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.