Quantcast

Scuole aperte in zona rossa ma nessuna regione gialla fino all’1 maggio

Le nuove decisioni annunciate oggi (26 marzo) dal presidente Mario Draghi

Dopo Pasqua asili nido, elementari e prima media saranno aperte anche in zona rossa ma fino all’1 maggio nessuna Regione potrà passare in zona gialla.

E’ questa la decisione annunciata dal presidente Mario Draghi nel corso della conferenza stampa di oggi (26 marzo). A prevalere è stata dunque la linea dura con un piccolo allentamento solo per il mondo della scuola. E’ su questa che il governo ha deciso di allentare le restrizioni. Restrizioni che però rimangono valide per gli spostamenti e per bar e ristoranti, chiusi in zona rossa e per i quali la possibilità di riaprire a cena si fa sempre più lontana.

Niente riaperture neanche per le sale cinema e teatro per le quali era stata annunciata una possibile – col tempo improbabile – apertura a partire da domani. Per tutte le attività chiuse dovrebbero arrivare nuovi rimborsi e sostegni, finanziati dalla richiesta di un nuovo scostamento di bilancio intorno al 10 aprile. La scadenza del decreto è stata fissata al 30 aprile, giorno in cui scade anche lo stato d’emergenza.

Per quanto riguarda i cambi di colore con un Rt nazionale di 1,08, in lieve discesa rispetto alla scorsa settimana, la Toscana rimane arancione, il Lazio allenta le restrizioni mentre la Valle d’Aosta passa in rosso.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.