Quantcast

Elezioni 2022, il centrodestra scalda i motori: prima il programma, poi il nome del candidato

Incontro on line fra le forze politiche presenti in consiglio comunale (Lega, Fratelli d'Italia, SiAmo Lucca e Difendere Lucca) più Forza Italia

Elezioni 2022, il centrodestra accende i motori. Lo fa, per ora, in forma virtuale, con un incontro su Meet fra partiti e liste civiche di area rappresentate in consiglio comunale.

Un incontro interlocutorio ma utile per discutere di questioni di metodo e anche di contenuti e per mettere a punto una road map in vista dell’appuntamento che si dovrebbe tenere, presumibilmente, nella primavera del 2022.

Alla riunione hanno partecipato la Lega con la capogruppo in consiglio regionale Elisa Montemagni e Riccardo Cavirani, responsabile provinciale del partito; Forza Italia con il responsabile provinciale Maurizio Marchetti e il suo vice Matteo Scannerini; Fratelli d’Italia con il neovicecoordinatore regionale, l’onorevole Riccardo Zucconi e il futuro responsabile provinciale, Riccardo Giannoni; Difendere Lucca, con il consigliere Fabio Barsanti e l’ex candidato sindaco di Capannori, Daniele Boschi e la lista civica SiAmo Lucca, con il segretario politico Roberta Betti e il presidente e capogruppo in Consiglio Remo Santini.

Nell’incontro si è fatta una panoramica delle principali tematiche ‘calde’ a livello locale, dalla ex manifattura (che vede posizioni diversificate nel centrodestra) al piano operativo fino agli assi viari e alla ripartenza delle attività economiche e culturali in città. E si è scelto un metodo da adottare in vista della campagna elettorale.

Tre gli elementi che hanno trovato tutti d’accordo: per prima cosa la volontà di unità della coalizione di centrodestra in vista dell’appuntamento elettorale. Una volontà che significa anche il tentativo di appianare le divergenze che sono emerse negli ultimi mesi anche su alcune tematiche di rilievo e nell’atteggiamento nei confronti dell’attuale amministrazione comunale. Secondo elemento che trova già tutti d’accordo è il metodo: si parte dai punti del programma per poi individuare il miglior candidato in una rosa di nomi. Solo alla fine di questo percorso, terzo elemento di condivisione, emergerà il candidato sindaco per il centrodestra nel 2022 con cui affinare (ed eventualmente allargare) la coalizione.

Nei mesi non sono mancati i potenziali candidati: dall’ex presidente di Lucca Crea, Mario Pardini al neo numero uno dell’Acli Lucca, Moreno Bruni; dallo stesso Remo Santini, che correrebbe per il bis, al capogruppo di Casapound, ora rappresentante di Difendere Lucca, Fabio Barsanti, anche lui già candidato sindaco nel 2022. Vorranno dire la loro, però, anche la Lega, partito più votato in città alle ultime elezioni regionali e Forza Italia, con il senatore Massimo Mallegni che è stato fra i primi fautori del tavolo di centrodestra.

I prossimi appuntamenti avranno dei temi specifici, un ordine del giorno preciso con argomenti che andranno a far parte del programma elettorale della coalizione. Il primo di questi dovrebbe tenersi subito dopo Pasqua.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.