Quantcast

Prevenzione anti covid a Ascit, testato il 50% dei dipendenti foto

Campagna dell'azienda dei rifiuti per evitare il diffondersi del contagio

E’ partita venerdì scorso (26 marzo) nella sede centrale di Ascit Spa a Lammari, la prima parte di screening con tampone rapido antigenico, con l’ obiettivo di rilevare periodicamente i casi di Covid 19 asintomatici e spezzare così la catena del contagio .

Il presidente Alessio Ciacci commenta il progetto : “Ascit è a favore di ogni iniziativa che mira alla prevenzione di contagi ed alla messa in sicurezza dei lavoratori, mantenendo sempre alta l’attenzione”.

‘Territori sicuri’ è un progetto promosso dall’assessorato alla sanità della Regione Toscana guidato da Simone Bezzini, con Anci e Upi, ovvero le associazioni di Comuni e Province, Misericordie, pubbliche assistenze toscane e Croce Rossa Italiana, insieme agli operatori sanitari, la medicina generale e la pediatria di famiglia, oltre che ad Ars Toscana, l’Agenzia regionale di sanità, alle Asl e alle società della salute.

L’iniziativa permette di sottoporsi in maniera volontaria ad uno screening gratuito con test antigenici rapidi per il Covid19 e l’adesione, indispensabile e preziosa, dei dipendenti Ascit è stata consistente.

In questa prima fase hanno aderito alla campagna oltre il 50% dei dipendenti, segno di grande responsabilità e senso civico.

“La strategia del progetto è quella dell’allerta precoce, per contrastare la diffusione dei contagi il prima possibile – spiega il responsabile del servizio di prevenzione e protezione di Ascit, Alessandro Gambassi – ci è apparsa subito uno strumento utile per dare un segnale di impegno e vicinanza ai nostri dipendenti, per individuare, isolare e tracciare il virus . Ascit già da tempo ha implementato un sistema di tracciamento tramite laboratori privati esterni accreditati e questa iniziativa va a completare il protocollo aziendale di prevenzione del rischio”.

L’iniziativa anti-Covid, applicando la strategia di allerta precoce “early-warning”, ha l’obiettivo di aumentare la capacità di testing per spezzare le catene del contagio individuando nuovi casi positivi, a partire dagli asintomatici, ed eventuali focolai per isolare e tracciare il virus.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.