Quantcast

Blitz in pineta di levante, altri due pusher in manette

Arrestati dalla polizia dopo un inseguimento

Nuovi arresti della Polizia di Stato nella Pineta di Levante: altri due spacciatori sono finiti in manette.
Ieri pomeriggio (21 aprile) gli uomini della squadra mobile e agenti del commissariato di Viareggio, affiancati dagli agenti del Reperto Prevenzione Crimine Toscana impiegati in un servizio straordinario di controllo della Pineta di Levante, hanno perlustrato l’intera area boschiva ed individuato, lungo i binari della ferrovia, tre uomini che alla vista della polizia si sono dati alla fuga.

Due di loro sono stati fermati, dopo un lungo inseguimento, nella porzione di pineta appartenente al comune di Vecchiano. Avevano nella loro disponibilità un coltello e cinque mila euro in contanti, mentre sul luogo del primo avvistamento la polizia ha rinvenuto grossi quantitativi di stupefacente: 160 grammi di cocaina, in parte già confezionata in dosi, e diversi panetti di hashish per il peso complessivo di 1 chilo e duecento grammi.

Sono finiti in manette, in flagranza del reato di detenzione di stupefacente ai fini di spaccio, E.A., 28 anni di origini marocchine e D.S., 40 anni, di origini tunisine, entrambi irregolari e senza fissa dimora.

D.S. è risultato destinatario di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa nell’ambito dell’operazione Pusher, condotta dalla Squadra mobile nel 2018, mentre E A., è fratello di un uomo noto con il soprannome di Bimbo, latitante dal 14 dicembre scorso, quando è sfuggito alla cattura in esecuzione dell’ordinanza cautelare restrittiva emessa nell’ambito del procedimento coordinato della Dda di Firenze.

In questa operazione la polizia operò nella provincia di Lucca circa nove arresti di soggetti riconducibili all’organizzazione indagata, organizzazione che aveva eletto la pineta a base operativa adibendola a piazza di spaccio, presidiata notte e giorno, anche con l’uso di armi, con sentinelle, addetti allo spaccio e addetti all’approvvigionamento di viveri, alla costruzione di manufatti per dormire, cucinare e per nascondere lo stupefacente. Oltre agli arresti furono sequestrati 110 chili di hashish e 350 mila euro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.