Quantcast

Rompe il naso a un cliente di un locale dopo la lite: individuato e denunciato

Si tratta di un giovane 25enne di origini magrebine che ha anche danneggiato gli arredi del ristorante e tentato di rubare il portafoglio a uno dei gestori

A conclusione delle indagini condotte dal personale della squadra anticrimine del commissariato di Viareggio, è stato individuato e denunciato l’aggressore che nella serata dell’8 maggio scorso, a seguito di una colluttazione. Si tratta di un giovane 25enne di origini magrebine.

In particolare è stato possibile ricostruire che, nella serata dell’8 maggio, un gruppo di giovani in evidente stato di ebrezza alcoolica, in preda all’euforia delle prime riaperture, si è appropriato di una lanterna d’arredo posta all’esterno del locale. Il gesto ha allarmato uno dei proprietari dell’esercizio che è uscito immediatamente per recuperare l’oggetto.

Il giovane, vistosi scoperto, ha scaraventato la lanterna al suolo mandandola in frantumi e subito dopo ha aggredito il personale del ristorante. A quel punto è intervenuto anche un altro avventore, allo scopo di sedare la violenta aggressione, ma in cambio ha ricevuto un colpo molto violento al naso che gli ha cagionato la frattura del setto nasale.

Durante l’aggressione il giovane non solo ha colpito i gestori del locale, ma ha cercato anche di impossessarsi del portafoglio di uno di questi, tentando senza successo di sfilarglielo dalla tasca della giacca. Poi si è allontanato facendo perdere le sue tracce mentre le vittime hanno ricorreso alle cure sanitarie per le ferite riportate.

L’attività investigativa avviata subito dopo i fatti e portata avanti con successo dagli operatori della squadra anticrimine del commissariato di Viareggio, ha consentito di identificare l’aggressore attraverso un accurato screening della fisionomia descritta puntualmente dalle persone presenti oltre che dalle stesse vittime. È stato così possibile ridimensionare notevolmente il campo di indagine tra i possibili autori, ed infatti il giovane è stato riconosciuto senza ombra di dubbio e per questo denunciato all’autorità giudiziaria.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.