Quantcast

Muore a 69 anni l’imprenditore Serafino Parenti

Lutto a Castelvecchio di Compito dove era impegnato anche nel volontariato

Dopo una lunga lotta per contrastare un male inesorabile, Serafino Parenti, ai vertici dell’ex Toscana Ondulati (oggi Ds Smith), si è spento nella notte tra il 9 e 10giugno, all’età di 69 anni. Lascia nel dolore Maila, moglie e compagna di una vita, che ha come unica consolazione quella di averlo accompagnato nella sua sofferenza, insieme ai suoi figli, ai tanti nipoti, ai fratelli e alla sorella di lui, e alle proprie famiglie, nella maniera più amorevole e rispettosa immaginabile. Oltre che per la sua grande famiglia, Serafino lascia un vuoto incolmabile anche nella comunità parrocchiale e associativa di Castelvecchio di Compito.

Il funerale, nel rispetto delle norme anti-Covid, è oggi pomeriggio (11 giugno) alle 16 nella chiesa di S. Giuseppe a Castelvecchio di Compito.

Dopo aver condiviso per anni così tante esperienze diverse di solidarietà verso il Rwanda, per i volontari dell’associazione Noi e il Terzo Mondo, Serafino era una presenza stabile e rassicurante, anzi un marchio di onestà e di trasparenza assoluta; un valore aggiunto imprescindibile per chi fa raccolta di fondi e invii monetari di solidarietà in Africa.

“Lo vogliamo ricordare per la sua proverbiale scrupolosità, per la sua affidabilità e buon senso – spiegano gli amici del consiglio direttivo -. Ci guidava spesso verso le scelte più ragionevoli, spronandoci ad agire con poche storie e schiettezza. La saldissima fede religiosa traspariva nel proprio stile di vita sobrio e decoroso. Sensibile e disponibile verso gli altri, aveva anche una decisa propensione verso la tutela delle tradizioni e dell’ambiente del Suo amato paese: Castelvecchio. Ciao, Serafino, è stato un onore conoscerti. Sappiamo che hai tentato di tutto per non lasciare troppo presto i tuoi, la tua parrocchia, e quelli dell’associazione. Ma non doveva andare così. Perciò negli ultimi tempi hai fatto in modo che fosse tutto a posto, per poter proseguire nel solco che ci hai consegnato. Eguagliarti sarà impossibile, ma imitarti sarà un dovere; ci proveremo. Ci manchi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.