Quantcast

Nel bosco il minimarket dello spaccio: arrestati due pusher

Blitz dei carabinieri a Castelvecchio di Compito

Un minimarket al dettaglio nel bosco di Castelvecchio di Compito: era questa, secondo i carabinieri, la base dello spaccio di due pusher che però nella serata di ieri (24 giugno) sono stati arrestati ai carabinieri a seguito di un’ordinanza di custodia in carcere emessa dal gip.

Nei guai sono finiti due uomini, di 31 e 26 anni, entrambi di origine marocchina, che secondo l’accusa gestivano il traffico. L’attività dei militari della stazione è stata avviata nei mesi scorsi, dopo aver controllato alcuni automobilisti di passaggio, sorpresi in possesso di dosi di cocaina e hashish.

Sono stati così attivati servizi mirati nella zona individuata, che hanno consentito l’identificazione dei 2 stranieri oltre che documentare il loro modus operandi, costituito dall’attendere la sosta del veicolo occultati nella vegetazione, avvicinarsi una prima volta all’auto per ricevere il denaro e successivamente consegnare lo stupefacente ordinato.

La Procura della Repubblica di Lucca ha così chiesto una misura restrittiva, emessa dal gip nei giorni scorsi ed eseguita ieri dai carabinieri. Al momento dell’esecuzione dell’ordinanza uno dei due marocchini, il 31enne, è stato altresì arrestato in flagranza di reato, poiché sorpreso in possesso di grammi 35 di cocaina e 11 di hashish, tutto ripartito in dosi e pronto per la cessione. I due stranieri sono stati associati alla casa circondariale di Lucca.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.