Quantcast

Viareggio piange la morte del comandante di yacht Daniele Panizza

Una febbre improvvisa, mentre stava navigando verso Tahiti, poi il ricovero e la diagnosi: leucemia fulminante

E’ lutto a Viareggio per la scomparsa del comandante di yackt Daniele Panizza.

Il marittimo, 48enne,  era partito per lavoro alla volta del Messico, dopo essersi vaccinato contro il Covid con J&J.

Una febbre improvvisa, mentre stava navigando verso Tahiti, nella Polinesia Francese, e poi la morte.

Lo scorso 2 luglio era iniziata la navigazione e il comandante aveva manifestato dei malesseri che il medico di bordo aveva curato con degli antibiotici, poi l’aggravamento e il ricovero in ospedale dove la diagnosi è stata leucemia fulminante. 

Lascia la moglie, una ragazza del Perù con la quale viveva a Bozzano, la madre, la sorella e un nipotino di 13 anni.

Non era nemmeno maggiorenne quando si è imbarcato per la prima volta. Poi la carriera, fino ad arrivare al grado di comandante. Una passione per il mare, la sua, che lo ha fatto crescere professionalmente.

“Ciao Daniele sarai sempre con noi – scrivono gli amici del Nautico Artiglio –   Una stella in più nel cielo ad illuminarci le rotte da seguire in navigazione”.

Buon vento comandante, con le condoglianze di tutta la redazione di Lucca in diretta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.