Quantcast

Condannato per maltrattamenti e violenza sessuale: accompagnato al Cpr di Torino

Il giudice di pace di Torino ha convalidato il provvedimento emesso dal questore di Lucca

Accompagnato al Cpr di Torino per le pratiche di espulsione dopo la condanna per maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale.

Accompagnato ad un Cie dopo aver scontato la condanna per maltrattamenti e violenza sessuale

Un uomo di origine marocchina, richiedente protezione internazionale, è stato accompagnato al Cpr di Torino in quanto pericoloso per l’ordine e la sicurezza pubblica, dopo una condanna divenuta irrevocabile per il reato di maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale in danno della convivente. Ieri il giudice di pace di Torino ha convalidato il provvedimento emesso dal questore di Lucca, con cui veniva disposto il trattenimento dello straniero nella struttura citata, a causa della pericolosità sociale tenuto conto della gravità dei fatti oggetto di condanna e del loro protrarsi nel tempo.

A seguito del provvedimento in questione l’ufficio immigrazione della questura ha provveduto a darne esecuzione .

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.