Quantcast

Rapina violenta ai danni di una coppia di turisti francesi al Forte: via l’orologio da 80mila euro

Sono stati sparati tre colpi di pistola a salve in aria e l'uomo è stato colpito con il calcio dell'arma: i due malviventi erano a bordo di una moto

Rapina violenta ai danni di due turisti francesi a Forte dei Marmi: via un orologio di grande valore, circa 80mila euro.

È successo intorno all’1 di stanotte (2 agosto) in via Piave a Forte dei Marmi, dove una coppia di turisti francesi, che viaggiava in bicicletta, ha subìto una rapina ad opera di due uomini a bordo di una moto.

I rapinatori, per intimorire la vittime, hanno dapprima esploso in aria tre colpi con una pistola a salve, poi con il calcio della pistola hanno colpito l’uomo alla testa e gli hanno sfilato un orologio Patek Philippe di ingente valore, circa 80mila euro, per darsi infine alla fuga.

La vittima ha riportato lievi lesioni. Sul tema sono in corso indagini da parte della polizia.

A poche ore dal verificarsi dell’aggressione ai danni di due turisti francesi che hanno subito una rapina il primo cittadino si è confrontato con le massime autorità provinciali nell’ambito della sicurezza.

“Ringrazio prima di tutto il prefetto Francesco Esposito per la disponibilità e la celerità con cui ha convocato il comitato a cui erano presenti anche il questore vicario, il colonnello dei carabinieri, il colonnello della Guardia di finanza e il nostro comandante della polizia municipale. Il prefetto ha esordito fornendoci i dati relativi al Comune di Forte dei Marmi che al 30 giugno registrano una riduzione rispetto all’anno precedente di furti e rapine ed un incremento molto consistente degli arresti in flagranza (anche nell’ultima settimana sono stati effettuati due arresti, uno per rapina e uno per furto). Nonostante la gravità del fatto accaduto, la situazione complessiva degli episodi criminali nel nostro territorio, al momento risulta sotto controllo e addirittura in sensibile decremento rispetto allo scorso anno. Segno che ancora una volta c’è una differenza importante tra sicurezza reale e quella percepita”.

“Sia chiaro – prosegue Murzi – questo non vuol dire minimizzare nella maniera più assoluta quanto accaduto ieri notte. Anche se questi episodi risultano imprevedibili, in accordo con il prefetto verranno migliorate le già consistenti attività di sorveglianza sul territorio. E a seguito del tavolo di stamani, si è stabilito inoltre di orientare il controllo della polizia municipale, che già svolge un compito immane, maggiormente sulla movida per liberare dalle relative incombenze le altre forze dell’ordine che così potranno concentrarsi meglio sulle operazioni relative alla criminalità. Nel corso dell’incontro abbiamo chiesto al prefetto di intercedere con i competenti ministeri al fine di poter andare in deroga con le assunzioni stagionali di agenti di polizia municipale per così riuscire ad organizzare maggiori servizi di controllo anche h24”.

Il prefetto ha dichiarato che è necessario considerare la Versilia anche in ambito della sicurezza e dunque del controllo del territorio, come un unico contesto urbano e si è impegnato a collaborare con i Comuni nel farsi portavoce per richiedere in sede governativa, visto l’incremento turistico stagionale, per il futuro un’ulteriore assegnazione di unità di rinforzo.

“Come presidente dell’Ambito Turistico Versilia – conclude il sindaco Murzi – ho accolto con favore la proposta di creare un “sistema Versilia” di videosorveglianza integrata tale da istituire una sorta di cinta muraria visiva che possa rilevare tutti gli ingressi e le uscite dal territorio dei sette comuni. In questo modo riusciremo a facilitare il lavoro delle forze dell’ordine che potranno disporre di una notevole quantità di informazioni, tra cui ad esempio un sistema di avviso automatico nel caso di rilevazione di veicoli rubati. A questo proposito mi sono impegnato con il Prefetto a convocare a breve gli altri sindaci per concretizzare quanto prima il progetto” .

“Ho scritto alla ministra Lamorgese per chiedere di valutare una serie di ulteriori interventi per la sicurezza dei turisti”. Lo dichiara l’onorevole Buratti dopo che la sera scorsa a Forte dei Marmi dei turisti francesi sono stati rapinati in strada.

“Conosco bene – scrive il deputato del Partito Democratico – il lavoro eccellente svolto sul nostro territorio dalle forze dell’ordine e dalle polizie municipali. Tuttavia, in questo momento di ripartenza per le attività produttive del paese e, in particolare modo, di quelle relative al turismo – italiano e straniero – con molti cittadini che scelgono il nostro paese per trascorrere vacanze sicure, appare necessario un ulteriore sforzo, prevedendo l’assegnazione di organici di polizia e carabinieri più numerosi e stabili. Soprattutto, nella realtà turistiche come la Versilia, che per il tipo di frequentazioni sono attenzionate da chi vuole delinquere. Nella provincia di Lucca ci sono stati il 30% in più di arresti in fragranza che conferma l’impegno delle forze dell’ordine”.

“Per questo è necessario non abbassare la guardia – conclude l’onorevole – i sistemi di videosorveglianza dei singoli comuni devono essere superati con un progetto coordinato, a livello versiliese, di video sorveglianza collegato con il “Sistema centralizzato nazionale transiti” del ministero dell’interno che con gli alert avverte del passaggio di un’auto presente nella banca dati nazionale. Da ex sindaco so bene quanto è importante che i Comuni facciano la loro parte, investendo risorse per l’installazione di questi sistemi di videosorveglianza. In questo senso, il comune di Forte dei Marmi dovrebbe essere più interessato di altri ad investire in questa direzione proprio in ragione della natura del turismo che ospita”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.