Quantcast

Il racconto: “Artista di strada cacciato con un secchio d’acqua lanciato da una finestra”

Un passante che ha assistito alla scena: "Un atto vile e incivile"

Un artista di strada riceve in testa una secchiata d’acqua, lanciata dalla finestra di un appartamento. E’ il racconto che un testimone fa di quanto sarebbe accaduto nella serata di ieri (11 settembre) in via Fillungo, all’altezza di via San Giorgio.

“Dopo aver cenato in un locale nel centro di Lucca ed aver passato una bellissima serata, passeggiando in Fillungo all’altezza di via San Giorgio – racconta – ho visto una scena tristissima e disturbante. Un artista di strada, di quelli che rendono piacevole la passeggiata in centro deliziandoci con musica e canti e rendendo magica l’atmosfera bellissima della città, mentre stava suonando, è stato raggiunto da una secchiata d’acqua lanciata dalla finestra a lui soprastante. Subito si è preoccupato del suo strumento, un piano elettrico, unico suo strumento di sostentamento, oltre il suo talento artistico, che con quel gesto, poteva essere danneggiato, e poi guardandosi desolato si è preoccupato di mettersi al sicuro da eventuali ulteriori ritorsioni sconsolato ed umiliato da quel vile gesto”.

“Erano appena le 22 – racconta ancora il passante -, quindi non un orario sconveniente, la musica faceva un lieve contorno al più alto vocio degli astanti di un vicino ristorante. Io mi chiedo come sia possibile un gesto così inumano e vile, un gesto che va oltre, che non rispetta la civiltà e l’umanità che ci arroghiamo di avere”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.