Quantcast

Poliziotto con l’obbligo di dimora sventa un suicidio on line

L'ispettore della Polstrada Gianluca Pantaleoni, a processo per vari reati, ha speso parole di incoraggiamento per far cambiare idea all'uomo

L’ispettore della Polstrada Gianluca Pantaleoni, ancora in forza al comando di Lucca, distaccato a Montecatini, sospeso dal ruolo per il processo attualmente in corso al tribunale di Pistoia, dopo l’arresto avvenuto quasi due anni fa per mano della squadra mobile all’epoca diretta da Antonio Fusco, e accusato di vari reati (dal riciclaggio alla truffa, dalla corruzione alla circonvenzione di incapace, ieri sera (28 settembre) ha sventato un suicidio. 

Pantaleoni, ora con l’obbligo di dimora a Pieve a Nievole, era sui social, al suo pc, quando è stato contatto da un uomo via messenger che, disperato, con un coltello in mano, gli ha confidato di volersi uccidere.

Sono stati momenti drammatici, con il poliziotto che ha cercato, riuscendoci, di farlo desistere dall’insano gesto.

Una storia a lieto fine, grazie all’impegno dell’ispettore della Polstrada che si è speso per oltre 1 ora con parole di incoraggiamento a far cambiare idea all’uomo.

Pantaleoni ha relazionato il suo comando di appartenenza per le incombenze di rito su quanto accaduto.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da FedericaDraghi

    non tutti sarebbero stati capaci a persuaderlo per non commettere il suicidio