Quantcast

Il mondo dello sport piange la morte di Giampiero Galeazzi

Numerosi i messaggi di cordoglio

Il mondo dello sport a lutto per la morte del giornalista, ed ex canottiere ( vinse il campionato italiano singolo nel 1967), Giampiero Galeazzi. Aveva 75 anni ed era malato da tempo.

Nato a Roma nel 1946, laureato in Economia, era conosciuto con il soprannome di Bisteccone,

Volto noto della Rai, per le trasmissioni la Domenica Sportiva e Mercoledi sport. L’ultima sua apparizione in tv risale a 3 anni fa al programma Domenica in.

Tanti i messaggi di cordoglio da parte di amici e sportivi.

“Sono addolorato dalla sua morte: Galeazzi ha fatto conoscere noi e il canottaggio, ci ha spronati. E’ stato un personaggio importante per noi, ci ha fatti conoscere al grande pubblico: era come se l’equipaggio fosse formato da quattro e non da tre elementi. Possiamo dire che era come un ‘quattro senza’: è stato molto, molto importante per noi. Ci è stato vicino per più di 20 anni”. Così Peppiniello Di Capua, timoniere dei fratelli Carmine e Giuseppe Abbagnale. “Bisteccone mio …se ne va un pezzo importante della mia vita…”. Così, Mara Venier in un post sulla sua pagina Instagram. “Ciao Giampiero! Grazie per aver vissuto lo sport da atleta prima e da giornalista poi. Alla tua voce, carica di entusiasmo e passione, sono legati i ricordi di tante emozioni azzurre. Sono certa che stasera anche lo Stadio Olimpico saprà ricordarti per come meriti”. Così in un tweet la sottosegretaria allo Sport, Valentina Vezzali. “Momenti e parole che resteranno immortali, ciao Giampiero”, scrive la Roma sui social per ricordare Galeazzi. “La fede laziale di Giampiero era nota a tutti, ma mai è stata fuori dalle righe. In una recente intervista alla Rai, stanco ma mai arreso alla malattia, disse una frase semplice e straordinaria: ‘Sotto lo stesso cielo, sotto la stessa bandiera. Forza Lazio’. In quel cielo brilla una stella in più”, ricorda il presidente biancoceleste, Claudio Lotito.  “Ha raccontato le più belle pagine dello sport italiano. Lo ricordiamo anche per essere stato un grande atleta come canottiere. Un abbraccio alla sua famiglia. Riposa in pace”, scrive su Twitter Antonio Tajani, coordinatore nazionale di Forza Italia. “Figura indimenticabile, prima come sportivo e poi come narratore dello sport sia alla radio sia in televisione. E’ stato campione di canottaggio e, come giornalista, voce, inconfondibile per quasi 50 anni, delle discipline sportive più popolari del nostro Paese. Grazie a lui molti italiani hanno cominciato ad appassionarsi di tennis e canottaggio. La notizia della sua scomparsa ci addolora”, scrivono le deputate e i deputati del MoVimento 5 Stelle in commissione Cultura. “Scompare Giampiero Galeazzi. Cronista sportivo , ma anche grande atleta. Le sue telecronache sulla bellezza del canottaggio azzurro, così partecipate, hanno reso popolare quello sport. Rip”. Così Alessandro Gassmann su twitter.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.