Quantcast

Senza biglietto, rompe il tablet alla capotreno: denunciato dalla Polfer alla stazione di Pietrasanta

Il treno ha accumulato 50 minuti di ritardo

Si è beccato una denuncia per danneggiamenti e interruzione di pubblico servizio un giovane della Nigeria che, senza biglietto sul convoglio Firenze-La Spezia, al controllo ha preso di mano il tablet della capotreno, lo ha scarventato in terra e glielo ha rotto. 

Il treno ha dovuto far sosta alla stazione di Pietrasanta, dove sono intervenuti gli agenti della Polfer da Viareggio e una volante dal commissariato di polizia di Forte dei Marmi, che dopo aver identicato il passeggero, non nuovo a episodi simili, lo hanno denunciato

Il treno ha accumulato un ritardo di quasi 50 minuti.

Secondo quanto ricostruito la capotreno, di scorta al convoglio, durante le operazioni di controlleria, poco prima che il treno giungesse alla stazione di Pietrasanta, ha chiesto il titolo di viaggio ad un giovane cittadino di origini nigeriane. Lo stesso, che risultava esserne sprovvisto, ha iniziato ad offendere la donna; poi, in un crescendo di rabbia, le ha sfilato di mano il tablet di servizio, sbattendolo con violenza contro un bracciolo delle sedute del treno, mandandolo in frantumi. La capotreno, nonostante la sua giovane età, non si è persa d’animo e ha richiesto l’intervento della polizia alla Centrale operativa del compartimento Polfer.

La volante del Commissariato di Forte dei Marmi, impegnata in servizi di controllo del territorio nel comune di Pietrasanta, ha raggiunto la stazione, seguita dalla pattuglia Polfer, rintracciando l’autore del reato, che è stato bloccato ancora a bordo del treno.  L’uomo, 29enne di origine nigeriana e richiedente asilo, non nuovo a comportamenti del genere, non ha opposto resistenza agli agenti intervenuti, che lo hanno accompagnato al commissariato di Viareggio per il fotosegnalamento.

Al termine degli accertamenti di rito, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà alla procura dii Lucca per i reati di danneggiamento, interruzione di pubblico servizio e oltraggio a pubblico ufficiale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.