Quantcast

Scontri fra bande di giovani in città, la polizia promette più controlli

Il fenomeno è ben conosciuto ed è sotto la lente delle forze dell'ordine: gruppi rivali si affrontano sulle Mura e a Porta San Pietro il più delle volte fra insulti e minacce

Più controlli per le ‘bande’ di giovani che si affrontano, il più delle volte a parole e insulti, sulle mura e nella zona di porta San Pietro.

Dopo i recenti fatti di cronaca resta alta l’attenzione della questura di Lucca sui fenomeni legati al mondo giovanile. La realtà è ben conosciuta dagli uomini e dalle donne della polizia. Gli scontri, se così si possono chiamare visto che il più delle volte si limitano a schermaglie verbali, anche se pesanti, condite da minacce di vario tipo, si verificano fra gruppi diversi di giovani, per la gran parte minorenni.

Da una parte si tratta minori non accompagnati, principalmente dell’est Europa insieme ad alcuni giovani di origine nordafricana. Giovani che, in carico ai servizi sociali, restano per gran parte marginali rispetto alla società, nonostante il grande impegno delle strutture dedicate alla loro integrazione. I ragazzi si ritrovano principalmente davanti alla ex procura di via Carrara e, nel loro girovagare per la città e soprattutto sulle Mura, si trovano in occasioni di litigio e di scontro con gruppi di ragazzi lucchesi.

Un fenomeno da monitorare con attenzione, per quanto riguarda le forze dell’ordine, e che come esito di solito porta a lunghi processi per il risarcimento dei danni delle parti lese, siano essi per danni fisici o per danneggiamenti a cose.

Uno degli ultimi episodi ha riguardato un 17enne di Altopascio, che è stato accerchiato ed aggredito sulle Mura dopo aver preso le difese di una ragazza. Ma sono decine i piccoli o grandi eventi che vanno a finire sui tavoli delle forze dell’ordine e, in certi casi, in procura. A questi fenomeni vuole porre un argine una maggiore attenzione da parte delle forze dell’ordine.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.