Quantcast

Medici in fuga dal pronto soccorso, Del Ghingaro: “Abbiamo una sanità di alto livello, sosteniamola”

Il sindaco di Viareggio: " Mi auguro che le autorità sanitarie competenti facciano il possibile per salvaguardare i professionisti"

Sempre in diminuzione dei medici dei Pronto Soccorso italiani. In pratica i professionisti preferiscono altri reparti perché, soprattutto in epoca covid, i turni arrivano ad essere massacranti, i carichi di lavoro a volte raddoppiano e i rischi, dovuti anche alla stanchezza, aumentano, in luoghi dove la risposte vanno date velocemente.

Sulla vicenda è il sindaco di Viareggio, in visita all’ospedale Versilia dal primario dottor Giuseppe Pepe, a intervenire.

“In alcune parti del nostro paese c’è una vera e propria fuga dei medici dai reparti di emergenza urgenza e la carenza di personale si fa sempre più grave. Insomma una situazione delicata e complicata che potrebbe mettere a rischio la tenuta del sistema di cura del primo presidio dei nostri ospedali – afferma Del Ghingaro – Per questo mi auguro che le autorità sanitarie competenti facciano il possibile per salvaguardare i professionisti sanitari dei Pronto Soccorso e garantire prese in carico efficaci e tempestive dei pazienti.  In questi mesi abbiamo avuto modo di vedere e ascoltare tanti virologi, epidemiologi, pneumologi, infettivologi, e solo in rari casi i medici dell’emergenza hanno detto la loro, eppure hanno fatto e stanno facendo un lavoro enorme per curare le persone ed evitare di affollare i reparti, in particolare quelli covid.  Ecco proprio a loro va il mio ringraziamento e la mia considerazione, perché lavorare in silenzio non vuol dire lavorare di meno o con meno qualità, anzi vuol dire esattamente il contrario”

“Nei nostri ospedali – aggiunge – nonostante la pressione giornaliera di accessi, non si riscontrano ancora le criticità manifestate in alcuni presidi di altre Regioni. Ma non per questo dobbiamo abbassare la guardia e soprattutto dobbiamo evitare di rivolgerci al Pronto soccorso per questioni che non possono essere risolte in altre sedi. Abbiamo una sanità davvero di alto livello: sosteniamola”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.