Quantcast

In crescita in Toscana la raccolta differenziata degli imballaggi

La provincia più virtuosa è Prato, Lucca sopra il 73 per cento

Nel 2019, secondo gli ultimi dati Ispra disponibili, la Toscana ha differenziato il 60% dei suoi rifiuti. Ossia più di 1 milione e 370mila tonnellate, su un totale di 2 milioni e 277mila tonnellate di rifiuti prodotti.

Guardando solo agli imballaggi, che in Italia rappresentano poco meno del 30% dei rifiuti urbani, le tonnellate di rifiuti che la Regione ha conferito a Conai sono in crescita.  Sono state infatti sottratte alla discarica più di 422200 tonnellate di rifiuti di imballaggio, conferite dalla Regione a Conai nel 2019 grazie agli accordi sottoscritti tra i Comuni della Regione e il Consorzio.

Le cifre dei conferimenti a Conai per il 2020 registrano un nuovo incremento del 2,6%: 433200 tonnellate. Una quantità di rifiuti che, messa in cassonetti, potrebbe coprire per quasi quattro volte la tratta autostradale Firenze-San Pietroburgo. Un numero che prelude a un atteso miglioramento delle performance complessive della Toscana nel campo della raccolta differenziata in generale.

Lo rende noto il Consorzio nazionale imballaggi nel disegnare un bilancio e un consuntivo delle performance sostenibili delle Regioni italiane nella raccolta degli imballaggi.

Per coprire i maggiori oneri della raccolta differenziata Conai, sempre nel 2019, ha trasferito ai Comuni della Toscana oltre 41 milioni e 150mila euro. Nel 2020 la cifra è stimata in crescita del 4,5%: 43 milioni di euro.

“Conai è responsabile del raggiungimento degli obiettivi imposti dall’Europa per il recupero e riciclo dei rifiuti di imballaggio – spiega Luca Piatto, responsabile rapporti con il territorio Conai – . E in Regione i conferimenti di questa tipologia di rifiuti hanno continuato a crescere. Assistiamo a un nuovo miglioramento, dopo quello registrato nel 2019. Certo, le performance della Toscana non sono sempre omogenee: in alcune province, ad esempio, la raccolta differenziata è ancora inferiore al 60%. Alla soddisfazione di veder incrementate le quantità di imballaggi sottratti alla discarica si somma quindi la consapevolezza che occorre impegnarsi per far migliorare i risultati dell’intera Regione”.

Secondo gli ultimi dati Ispra (2019), la provincia più virtuosa è Prato, la cui percentuale di raccolta differenziata totale supera il 74%. Alti i conferimenti a Conai in provincia lo stesso anno: più di 191 chili per cittadino.

Sopra il 73% di differenziata la provincia di Lucca, da cui a Conai arrivano quasi 105 chili di rifiuti di imballaggio.

Pisa e Firenze differenziano più del 60% dei loro rifiuti complessivi (circa 67% e 64% rispettivamente). In provincia di Pisa nel 2019 i cittadini hanno conferito a Conai quasi 68 chili di imballaggi a testa; in provincia di Firenze, invece, ben 136 chili.

Sia in provincia di Livorno sia in provincia di Pistoia la raccolta differenziata supera il 55%. In provincia di Livorno nel 2019 i cittadini hanno conferito a Conai un pro-capite di 111 chili di imballaggi; in provincia di Pistoia, invece, di 114 chili

Differenziata del 52% nel 2019 in provincia di Siena. Da lì un pro-capite di 87 chili di rifiuti a Conai

Sotto il 50% Massa Carrara (45,5%), Arezzo (quasi 47%) e Grosseto (41,5%). Ogni cittadino di Massa Carrara nel 2019 ha conferito a Conai circa 79 chili di imballaggi; ogni cittadini di Arezzo circa 98 chili; ogni cittadino di Grosseto quasi 112 chili.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.