Quantcast

Disagi e code per il cantiere al foro di San Giuliano, Giannini (Pd): “Anas apra subito un tavolo di confronto con gli enti”

Lavori iniziati senza segnalazione agli utenti della statale. Il Comune ha chiesto modifiche all'ordinanza di circolazione per evitare le difficoltà dei primi giorni

Disagi e code a Santa Maria del Giudice per i lavori al foro di San Giuliano, j’accuse ad Anas dal consigliere comunale di Lucca del Pd, Gianni Giannini.

“Che la società Anas – dice fosse una presenza ingombrante per la viabilità della zona sud, i cittadini lo sanno ormai da tempo. Una società-ministero la cui azione raramente risponde al più elementare criterio di attenzione per le esigenze del cittadino-utente. L’ulteriore prova ci viene confermata dalle procedure di installazione del nuovo cantiere lavori all’interno del foro di San Giuliano, per il quale Anas non ha sentito l’esigenza o il dovere di informare l’utenza automobilistica dei previsti disagi, con code chilometriche e tempi di attesa importanti. Non un comunicato stampa, non una cartellonistica stradale di avviso né con suggerimenti di deviazione di traffico”.

“La indegna procedura – prosegue Giannini – in totale disprezzo dei disagi provocati, non ha mancato di indignare ancora una volta sia la popolazione residente sia l’utenza di transito sulla frequentatissima via di collegamento fra la provincia di Lucca e Pisa. Nulla vale che nell’ordinanza si preveda “il sollevamento di Anas Spa da responsabilità e molestia anche giudiziaria, scaricando sulle società subappaltanti (Ati: Enel Sole Srl, Carlini Signal Srl, Bouygues E&S, Intec Italia Spa) l’onere di installazione della prescritta segnaletica”. Sotterfugi legali atti a scaricarsi di incombenze e responsabilità che nulla hanno a che fare con l’etica procedurale di un ente di Stato (Customer centricity) alla quale viene concesso, in base all’articolo 5 del codice della strada “facoltà, in quanto proprietario della strada, di stabilire con ordinanza propria su ciascuna strada o tratti di essa, obblighi, divieti e limitazioni di carattere temporaneo o permanente””.

“Siamo ben consci delle difficoltà organizzative per cantieri in tratti viari delicati e con viabilità ad alta intensità – conclude Giannini – e tutti condividiamo la medesima soddisfazione per lavori finalizzati a tematiche di sicurezza e adeguamento tecnologico. Chiediamo però che Anas, in qualità di committente dei lavori, apra nell’immediato, un tavolo di confronto con gli enti comunali interessati per concordare un calendario di lavori con orari più consoni anche alle necessità della utenza”.

Il Comune di Lucca, nel frattempo, si è mosso ufficialmente con Anas per limitare al massimo il disagio dei tanti utenti che quotidianamente utilizzano quella strada.

È stata ottenuta l’apertura posticipata del cantiere. Ogni mattina i lavori inizieranno alle 9,30 per consentire il deflusso del traffico delle prime ore del giorno. Dopo le 9,30 viene istituto il senso unico alternato. L’amministrazione comunale di Lucca sta lavorando per ottenere anche il ripristino del doppio senso di marcia a partire dalle 16,30 di ogni pomeriggio fino a fine lavori.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.