Quantcast

Task force contro rapine e frodi nelle banche foto

Siglato in prefettura il protocollo d'intesa fra istituti e forze dell'ordine

Rafforzare il sistema di prevenzione delle rapine, e ampliare l’ambito della collaborazione per la prevenzione di altre insidie criminali. Questo l’obiettivo del rinnovato impegno, manifestato con la firma del protocollo di intesa per la prevenzione della criminalità in banca da parte del prefetto di Lucca, Francesco Esposito, del rappresentante dell’Abi (associazione bancaria italiana), Marco Iaconis, alla presenza del questore, Dario Sallustio, del comandante provinciale dei carabinieri, colonnello Ugo Blasi e del comandante provinciale della guardia di finanza, colonnello Marco Querqui.

Viene così ribadita l’importanza di una sempre più stretta collaborazione tra forze di polizia e mondo bancario nella predisposizione delle misure di difesa passiva degli sportelli e nelle attività investigative successive alle rapine in banca, che ha fatto registrare una diminuzione di questo tipo di reati negli ultimi anni.

Il nuovo accordo è stato siglato nella cornice di un’intesa nazionale tra Abi  e Ministero dell’Interno e rispecchia gli sviluppi nel frattempo sopravvenuti in questa materia in campo normativo, operativo e tecnologico.

Tra le principali novità del nuovo protocollo c’è la prevenzione dei rischi di infiltrazioni criminali nell’economia legale e delle truffe alla clientela, attraverso lo scambio di conoscenze, valutazioni ed approfondimenti tra i diversi attori istituzionali, e la sicurezza informatica.

Il protocollo avrà la durata di 24 mesi e sarà tacitamente rinnovato alla scadenza.

Al protocollo hanno aderito le banche operanti nella provincia.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.