Quantcast

Disabile pestato dal branco di baby bulli: in 6 finiscono nei guai video

Cinque sono minorenni. Hanno insultato il 29enne per il colore della pelle e lo hanno ripreso mentre lo picchiavano

Alcuni lo insultano, chiamandolo Buba, mentre lo prendono a calci a pugni, altri invece infieriscono con un ombrello contro quel giovane uomo di 29 anni. Solo perché ha un colore della pelle diverso da quel branco di baby bulli che lo ha preso di mira. Incapaci di fermarsi, quei ragazzini, anche quando la loro vittima, con alcune disabilità, cade a terra.

disabile aggredito pietrasanta

Una aggressione choc ripresa in diretta e poi postata sui social dai loro autori, che si vantano di aver compiuto un gesto, costato loro una denuncia a piede libero alla procura dei minori di Firenze. Cinque dei 6 denunciati dai carabinieri per l’episodio avvenuto il 9 maggio scorso in un parco della Versilia non hanno ancora 18 anni.

In più c’è il fatto non secondario che il pestaggio è stato ripreso e poi postato sui social, dove i responsabili dell’aggressione si vantavano di aver picchiato la loro vittima.

I sei, secondo quanto ricostruito, lo hanno circondato, deriso e sbeffeggiato, aggredendolo poi in gruppo con calci e pugni e colpendolo con un ombrello, anche quando era caduto in terra, chiamandolo “Buba”, per prenderlo in giro, perché originario del Gambia. I carabinieri hanno subito avviato le indagini non appena presa visione dei video dell’aggressione, che nel frattempo erano stati divulgati su diversi social network, e sono riusciti in breve tempo ad identificare tutti i responsabili.

Nei loro confronti è scattata quindi una denuncia alla procura dei minori di Firenze ed alla procura ordinaria di Lucca e, questa mattina, sono stati sottoposti a perquisizione domiciliare nel corso della quale sono stati sequestrati gli indumenti utilizzati durante l’aggressione, i cellulari, alcuni grammi di hashish e marijuana, una mazza da baseball ed alcuni appunti inneggianti alla violenza e contro i carabinieri.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.