Quantcast

La realtà virtuale per la riabilitazione di bambini e adolescenti con danni neurologici agli arti

Uno studio in corso nell'Asl Toscana Nord Ovest, finanziato dalla Regione Toscana

È in corso in Asl Toscana nord ovest uno studio sull’utilizzo della realtà virtuale per la riabilitazione di bambini e giovani adolescenti affetti da disturbi del movimento dell’arto superiore dovuti a danno neurologico.

Lo studio, che ha ricevuto un finanziamento da parte della Regione Toscana, nasce da una collaborazione tra il Laboratorio Percro della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, il Cnr di Pisa, l’Azienda ospedaliera universitaria pisana e la riabilitazione dell’ospedale Versilia dell’azienda Usl Toscana nord ovest.

Nell’ambito delle attività da svolgere, si prevede l’uso di un visore per la realtà virtuale associato a una serie di sensori aptici in grado di fornire al bambino sensazioni tattili. Con questo dispositivo i bambini si trovano immersi in un ambiente virtuale dove possono svolgere attività ludiche (i cosiddetti serious games), che li stimolano a compiere attività motorie delle braccia, con l’obiettivo di migliorarne la funzione.

Lo studio è rivolto a minori di età compresa tra i 6 ed i 16 anni che presentano disturbi motori degli arti superiori da danno neurologico spesso congenito. Per poter essere inclusi nello studio è necessario che i partecipanti siano in grado di collaborare all’esecuzione dell’attività stando seduti per circa 45 minuti, comprendere le istruzioni ricevute e avere un disturbo motorio monolaterale o bilaterale medio lieve e tale da consentire l’esecuzione delle azioni richieste.

I bambini selezionati verranno casualmente divisi in due gruppi. Un primo gruppo eseguirà il trattamento con realtà virtuale per tre volte alla settimana per quattro settimane, il secondo gruppo proseguirà la sua attività standard. Successivamente i bambini che hanno proseguito la loro attività standard effettueranno comunque anche il trattamento con realtà virtuale.

I trattamenti verranno effettuati all’ospedale Versilia a Lido di Camaiore oppure in Aoup a Pisa.

Chi fosse interessato a partecipare può contattare la responsabile dello studio, la dottoressa Sara Aliboni al numero 0584.6057331 oppure via mail sara.aliboni@uslnordovest.toscana.it oppure il dottor Riccardo Gattai allo 0584.6057063.

Ulteriori informazioni e contatti nel sito https://telos-project.eu/.

 

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.