Rapine e furti tra Prato e Capannori: dovrà scontare una pena di 5 anni e 10 mesi

L'uomo arrestato dai carabinieri e ora in carcere si trovava ai domiciliari con braccialetto elettronico

Dovrà scontare in carcere una pena di 5 anni e 10 mesi di reclusione, e pagare una multa di oltre 2mila euro un italiano di 57 anni, originario della provincia di Caserta, ma da anni residente a Prato, raggiunto da un ordine di esecuzione di pene che è stato eseguito dai carabinieri.

I reati contestati variano dalla rapina al furto, recentemente commessi tra Prato e Capannori dal 2020 al 2021, nonché una truffa risalente al 2009, ma per la quale la giustizia ha comunque presentato il conto all’interessato nonostante gli anni trascorsi. Tutti reati accreditagli sulla base delle investigazioni condotte dai carabinieri.

Contrariamente ad altre circostanze stavolta i militari non hanno dovuto faticare per rintracciare l’uomo visto che si trovava già ristretto agli arresti domiciliari – sempre per reati contro il patrimonio, ma diversi da quelli per i quali è stato arrestato – nella sua abitazione pratese gravato dal sistema di controllo del braccialetto elettronico.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.