Frase offensiva sulla moglie di Raspini, il responsabile ammette e si scusa

Ha scritto all'ex candidato sindaco: è un candidato delle liste in appoggio del primo cittadino Mario Pardini. Il consigliere di opposizione: "Storia spiacevole ma chiudiamola qui"

“Raspini, adesso ti trombiamo la moglie”: una frase che è stata effettivamente pronunciata. Chi l’ha detta, infatti, dopo le polemiche degli ultimi giorni e l’articolo di Repubblica che l’ha riportata si è scusato direttamente con l’ex candidato sindaco di centrosinistra. Che così racconta l’episodio.

“Per coloro che pensano che fosse solo una fake news – dice pubblicando lo screenshot di una conversazione con il ‘responsabile’ – che hanno scritto che la sinistra strumentalizza per non accettare la sconfitta. Che hanno scritto commenti irripetibili… ecco qua. Si tratta di un candidato in una delle liste a sostegno del neosindaco Mario Pardini, ma non ne rivelerò il nome nemmeno sotto tortura”.
“Perché si è scusato autonomamente – dice Raspini  – e perché, appunto, come non si deve mai infierire su chi perde non lo si deve fare nemmeno su chi sbaglia. E perché questa spiacevolissima storia a questo punto è il caso di chiuderla qui”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.