Covid, contagi e ricoveri in aumento: la Toscana tra le regioni ad alto rischio

Il report del ministero della Salute

Contagi Covid in crescita, in tutta Italia. Ma aumentano anche i ricoveri, sia in terapia intensiva che nelle altre aree mediche.

Secondo il ministero della Salute, sono otto le regioni italiane che rientrano nella classifica di alto rischio Covid, a causa dei frequenti ricoveri e dell’aumento dei contagi.

Il dato arriva con il monitoraggio settimanale dell’Iss.

Le regioni in questione sono: Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Toscana, Veneto, Umbria e provincia autonoma di Bolzano.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da frAx8

    A rischio? Ci sono 15 persone ricoverate in t.i. in TUTTA la Toscana (ammesso e non concesso che non siano lì per altri motivi, e trovati positivi al tampone)!
    I casi sono due:
    a) Ammettete che tutta la gestione covid è stata COME MINIMO un fallimento totale, chiedete scusa a tutti, e cambiamo strategia. I vaccini non impediscono il contagio, presupposto su cui si basava l’obbligo, ed in generale i trial sono stati talmente fumosi che è dura valutarne una qualunque efficacia solida. Ad ogni modo tale presunta efficacia decade dopo pochi mesi, costringendo la persona a continui richiami. Con quali esiti? Nessuna risposta. Le mascherine? Ma per favore, non scherziamo. Volete proteggervi? Compratevi una P100 e smettela di rompere a chi vuole vivere normalmente.

    b) Un cambio di strategia sarebbe necessario in presenza di un virus veramente pericoloso. QUASI TUTTI hanno 2 giorni di febbre e qualche giorno di stanchezza/dolori: a prescindere da età, sesso, stato di vaccinazione. Facciamo la finita con questa farsa, non se ne puo’ più. Non ci sono eccessi di mortalità per tutte le cause degni di nota da APRILE 2021, compreso l’inverno appena passato con le centinaia di migliaia di casi giornalieri.