Fp Cgil: “Senza Usca pronto soccorso di Lucca al collasso”

Il sindacato: "Dal 1 luglio cinque medici in meno: restano al lavoro in 12 quando dovrebbero essere 29"

“Adesso che i medici Usca sono stati ‘congedati’ si apre uno scenario ancora più grave di quello già esistente, e questo è inaccettabile, sia per chi lavora sia per la comunità”. E’ l’analisi sulla situazione del pronto soccorso di Lucca che fa Lorena Maggiolo, segretaria Fp Cgil della Provincia di Lucca.

“Nella pandemia – afferma Patrizia Fistesmaire, della Segreteria della FP Cgil Lucca – la messa a punto delle Usca ha consentito di gestire le persone nella loro abitazione, evitando che accorressero ai pronto soccorsi aumentando sia il rischio di contagio che il rischio di implosione dell’accoglienza. Senza il loro apporto, in un periodo di aumento dei contagi si rischierà il collasso dei presidi ospedalieri. Nel documento La salute che vogliamo anche la segreteria nazionale dei medici e dirigenti della Fp Cgil dichiara che questo è il momento di operare un cambiamento radicale, profondo e sistemico, restituendo ai cittadini i loro diritti. Perché con la pandemia abbiamo dovuto prendere atto che le riforme successive alla 833 si sono allontanate dall’obiettivo di costruire progressivamente un sistema della salute equo, universale, solidale, diffuso e strutturalmente solido”.

“È il distretto – si sostiene – a dover essere rafforzato come luogo di rappresentanza delle comunità e di coinvolgimento delle istituzioni locali. È quello il luogo d’indirizzo e di pianificazione della domanda e dell’offerta. Per questo c’è bisogno anche di una nuova organizzazione del lavoro, e non del restyling di vecchi modelli organizzativi statici e basati sulla dicotomia tra ospedale, che si satura sempre di più, e il territorio che, anziché ricevere supporti, rischia invece di impoverirsi.  Questo è lampante con il caso dell’interruzione del lavoro svolto nelle Usca”.

“Solo dal 1° luglio il pronto soccorso – osserva Lorena Maggiolo – registra 5 medici in meno, e adesso, per tutto il servizio, compresa la primaria, sono rimasti in 12 a lavorare. La dotazione organica dovrebbe essere di 29 medici. Si tratta di un vero e proprio stato di emergenza comunitaria, di rischio che la popolazione non sia più curata nel momento dell’urgenza, quando rischia la vita. Occorre che si prendano provvedimenti di tutela delle condizioni di lavoro e dunque dell’organizzazione, altrimenti si rischia di assistere allo smantellamento del servizio sanitario pubblico e all’emergenza sanitaria. Al presidio ospedaliero di Lucca accedono circa 200 persone al giorno e in queste condizioni non sarà possibile curarle. Da poco abbiamo sottoscritto la pre-intesa del nuovo contratto sanità, garantendo ai lavoratori nuove tutele e riconoscimenti professionali, sia in termini di salario che di crescita professionale, di diritti e di contrattazione. Per la Fp Cgil la priorità è quella di tutelare il servizio sanitario pubblico e la salute degli operatori, così da garantire la tenuta dei servizi e i diritti per tutta la popolazione”.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.