Menu
RSS

Viareggio, un esposto contro le piazze dello spaccio

carabnieripostobL'associazione Adup (Associazione difesa utente psichiatrico), a nome di Gianluca Paul Seung, ha presentato un esposto a prefettura e questura di Lucca, al sindaco di Viareggio, al ministero dell'Interno, al Ministero dell'Istruzione e della salute per informare che "ultimamente i cittadini assistono a un degrado locale, in ambito socio-sanitario, riguardante l'incolumità igienica, per traffico e smercio di stupefacenti, a Viareggio e Torre del Lago, che non può essere tollerato, avendo raggiunto livelli di guardia". Nell'esposto viene richiesta in tal senso una maggiore vigilanza da parte delle autorità ed è stata segnalata anche la presenza di siringhe utilizzata dai tossicodipendenti lasciate vicino al sedile e insanguinate con ago sporgente su un autobus di linea: per questo episodio è stata informata anche la direzione di Vaibus, oltre che le forze dell'ordine.

Nell'esposto è stato segnalato inoltre quali sono le zone di maggior spaccio: pineta di Ponente, vicino l'ex ospedale Tabaracci a Viareggio, stadio 'Ferracci' a Torre del Lago, vicino alla stazione ferroviaria, luogo frequentato da stranieri che lungo i binari spacciano con un'affluenza notevole di giovani in particolare nel fine settimana per acquistare stupefacenti per trascorrere le serate in discoteca.
In questo caso viene sollecitata dall'Adup la presenza di forze dell'ordine in stazione dalle 10 alle 24 per cercare di contrastare questo fenomeno.

1 commento

  • adriana
    adriana Giovedì, 06 Dicembre 2018 18:19 Link al commento

    Stalking in Psichiatria, l’indagato davanti al gip respinge le
    di: VersiliaToday Redazione | Pubblicato il 18/07/2018 at 18:23.

    Interrogatorio di garanzia, questa mattina al tribunale di Lucca, per l’uomo, residente nel comune di Viareggio, accusato di stalking, vittima il primario del reparto di Psichiatria e altri medici

    Difeso d’ufficio dall’avvocato Mauro Casella, del Foro di Lucca, l’indagato, al quale giorni addietro era stata notificata l’ordinanza della misura cautelare. non si è avvalso della facoltà di non rispondere e dinanzi al gip Antonia Aracri ha respinto al mittente tutte le accuse. Il legale, presa visione di tutto il fascicolo, presenterà nei prossimi giorni una memoria difensiva, e non è escluso che possa presentare ricorso al tribunale del riesame contro la misura cautelare che impone al suo assistito una distanza minima di 100 metri dal reparto di Psichiatria del “Versilia” e la comunicazione, con qualsiasi mezzo, con le persone offese, avvisandolo che, in caso di trasgressione alle prescrizioni imposte con l’ordinanza, potrà essere sottoposto a misura cautelare ben più grave come la custodia cautelare in carcere.

    Il giovane, come si ricorderà, era salito alla ribalta della cronaca il 22 novembre del 2012 per il ferimento al volto dello psichiatra Mirko Martinucci. Nel corso di un convegno aveva aggredito il medico, procurandogli la frattura delle ossa nasali e una ferita da taglio, che aveva richiesto numerosi punti di sutura. L’ordinanza del gip, in venti pagine, ripercorre tutta l’attività antipsichiatrica dello stalker, che coinvolge altre persone fragili per una guerra a oltranza contro le cure psichiatriche. Il Giudice Aracari svela come nascono le false accuse: racconta, ad esempio l’episodio, di quando lo stalker riesce a farsi conseganre la password da un paziante ricoverato in Psichiatria, dopo un tentativo di suicidio, e poi lancia false accuse , nascondendosi dietro l’identità dell’altro paziente. Nonostante l’ammonimento dell’allora Questore di Lucca, dottor Vincenzo Ciarambino, datato 11 Febbraio 2016, a non avvicinarsi agli psichiatri soggetti passivi del suo stalking, la sua attività non ha avuto requie. Anzi c’è stato un crescendo di accuse , a volte sconclusionate. Così nel gennaio il professor Mario Di Fiorino, primario del reparto di Psichiatria dell’ospedale “Versilia”, lo aveva denunciato di nuovo. Forse da questo aveva preso nuovo impulso l’indagine del GIP. Due i fatti inquietanti che sono risultati dall’indagine della Polizia Giudiziaria: l’assunzione nel 2017 di ecstasy (che gli provoca rabdomiolisi con un ricovero in Nefrologia) e gli arresti domiciliari per tentava violenza sessuale ad una tredicenne. Il Gip Aracri definisce lo stalker un provocatore che, contro ogni evidenza, vuol far prevalere la sua linea di pensiero e di accuse.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter