Menu
RSS

Paga il ticket della sosta ma viene multata

multaeticketPrende la multa nonostante abbia regolarmente pagato (ed esposto) il ticket del parcheggio. E’ la disavventura capitata a una signora di Valdottavo che aveva deciso di passare al mare la giornata del 2 giugno. Arriva sulla Marina, trova spazio per la sosta e al parcometro paga la sosta praticamente per tutta la giornata. Poi trascorre una piacevole giornata di mare ma al ritorno alla propria vettura trova la spiacevole sorpresa. Sul cruscotto, infatti, c’è il verbale di multa elevato dalla polizia municipale di Viareggio: 28,70 da pagare entro cinque giorni, altrimenti salgono a 41.

Ma la signora non ci sta: “Quando ho visto questa cosa – dice – ho provato subito a chiamare il comando di polizia municipale di Viareggio, che però è aperto solo in certi orari. Quando finalmente questa mattina ho trovato qualcuno mi hanno detto che devo fare ricorso, compilando un modulo specifico, e poi inviarlo per raccomandata o andare di persona al comando per consegnarlo. E tutto questo nonostante abbia pagato regolarmente. Cioè, per fare valere un mio diritto e contestare un errore altrui devo prendermi libero da lavoro per andare al comando negli orari stabiliti, che sono solo due giorni alla settimana, fare la coda e consegnare il modulo. Oppure inviare una raccomandata al costo di 5 euro. Il tutto compromettendo ore o giornate lavorative”. “Se questa è l’accoglienza del mare della Versilia – commenta la donna – si fa prima ad andare a Livorno o a Tirrenia dove ci sono posti migliori e ti trattano anche meglio. Ovviamente non è una questione di soldi, ma di principio. Non mi sembra giusto che, laddove ho la possibilità di dimostrare di aver pagato il parcheggio debba fare tutta questa trafila per non pagare una multa ingiusta. Capisco che il Comune di Viareggio sia in dissesto, ma non penso che debba fare cassa sulle spalle dei cittadini, alcuni dei quali, per non avere rogne, preferiscono pagare il verbale”.

Ultima modifica ilVenerdì, 09 Giugno 2017 18:30

1 commento

  • opinionista
    opinionista Sabato, 10 Giugno 2017 19:59 Link al commento

    Purtroppo per la signora il suo ticket non e' di quelli dove si puo' scrivere il numero della targa pertanto si sarebbe potuta far prestare il biglietto da qualcun altro la vicino.
    E quindi tra la sua parola e quella di un "distratto" vigile, vale piu' quella del vigile perche' in Italia si parte sempre che sia il cittadino a tentare di fregare.
    Mi dispiace ma e' cosi', anche a me a Roma mi fecero una multa per divieto di sosta sul lungotevere, mettendo il foglio su tergicristallo posteriore perche' non avevano visto il tagliandino posto su cruscotto anteriore di un Ulysse, che era un po' grande., e che era finito in una pozzanghera che non permetteva di avvicinarsi alla parte anteriore dell'auto.
    Predisposi anche le foto per giustificare il loro errore, ma mi tocco pagare, altrimenti erano piu' i soldi per far ricorso al giudice di pace o il rischio di vedersela raddoppiare ricorrendo al prefetto.!

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter