Menu
RSS

Case a Lucca: i prezzi calano, riprende il mercato

luccaaltoSe, da una parte, crolla il numero delle imprese edili, che in un solo anno fanno registrare un saldo negativo di 750, dall'altra, il mercato immobiliare comincia a dare qualche spiraglio di luce.
Questi in sintesi i dati relativi al mercato lucchese emersi nella conferenza stampa tenuta nella sede di Confesercenti dal gruppo Tecnocasa.
Insomma, sembra davvero che si stia assistendo ad un lento risveglio dopo un 2012 da incubo. E dopo la bolla speculativa culminata nel 2006 con quasi 1 milione di compravendite in Italia, il mercato torna a segnare il segno +, almeno nel comune capoluogo dove nel 2013 torna a crescere del 2 e mezzo per cento.
Non a caso l'andamento dei prezzi segna invece la tendenza opposta. Marcato il calo in un anno (-18,7% da gennaio 2012 a dicembre 2013), decisamente più contenuto (-4,2%) se limitato al secondo semestre 2013. Si va da 1500 sino a 2400 euro al metro per immobili di pregio e in città la richiesta maggiore è per appartamenti composti da almeno 3 locali. Più nel dettaglio, Arancio, Antraccoli e S. Filippo registrano prezzi leggermente in calo, stabile il centro storico. Cresce la domanda a S. Donato, S. Concordio e soprattutto a S. Anna.
Tornano a salire anche le erogazioni del credito, dopo un calo registrato nei primi tre trimestri del 2013. Anche perché, secondo gli esperti di Tecnocasa, il mercato è più consapevole e chi acquista un immobile si dimostra convinto della sua scelta al punto da condividere il rischio con la Banca con almeno un 20% di equity.
La fotografia del mercato immobiliare nel dettaglio. Insomma, a Lucca i prezzi delle case scendono e il mercato immobiliare riprende quota. Nel secondo semestre del 2013, infatti, le quotazioni delle abitazioni di Lucca sono diminuite del 4,2%. Lo rileva una indagine di Tecnocasa, presentata questa mattina (14 maggio) in città, alla sede della Confesercenti di Lucca. Nelle zone di Arancio, Antraccoli, San Filippo, San Vito e Tempagnano i prezzi sono in leggero calo, mentre il centro storico resta la zona più costosa. La richiesta si concentra soprattutto sulle prime case, si registra comunque la domanda da parte di qualche investitore in cerca di appartamenti dal prezzo particolarmente vantaggioso. Chi cerca la prima casa, sempre secondo l'indagine di Tecnocasa, si focalizza in particolare su trilocali, con un’ampiezza media di 80 metri, possibilmente dotati di ascensore e spazi esterni. Il quartiere Arancio si trova a ridosso delle mura e del Centro storico ed è caratterizzato da soluzioni costruite tra gli anni ’50 e gli anni ’70 e, in parte minore, da palazzine in stile liberty realizzate nei primi anni del ‘900. Per l’acquisto di un appartamento ristrutturato si spendono circa 2400-2500 euro al metro quadrato. Le zone più quotate del centro storico sono quelle che si sviluppano intorno a Piazza San Michele, dove ci sono soluzioni d’epoca medioevale.

Leggi tutto...

Case Erp in via Paoli, entro l'autunno le risorse regionali

erp1L’assessore alla politiche abitative Antonio Sichi ha presentato questa mattina in commissione sociale la scheda definitiva del progetto che riguarda il recupero e la destinazione del complesso di via Brunero Paoli, dopo che il Comune di Lucca aveva preso parte a Firenze al tavolo per la selezione dei progetti relativi all’emergenza abitativa. Il progetto che riguarda la città, dopo aver passato la selezione, prosegue l’iter che porterà, entro la fine di maggio, all’assegnazione delle risorse. L’amministrazione procederà adesso con l’invio alla Regione della scheda tecnica definitiva del progetto e di tutta la documentazione richiesta. Entro la prima decade di maggio dovrebbe essere effettuato il decreto per l’approvazione dei progetti, e da lì seguirà l’assegnazione delle risorse. Una volta emesso il decreto di approvazione, il Comune procederà agli interventi preliminari sulla struttura previsti prima dell’avvio del cantiere vero e proprio. Ad Erp Lucca Srl sarà affidato il compito della gestione del cantiere, compreso l’arredamento degli appartamenti che, essendo di transito, necessitano di tutto l’occorrente per le persone che vi sosteranno, inquilini gestiti all’interno dell’ordinario bando di edilizia residenziale pubblica del 2013, nella cui specifica graduatoria – approvata a gennaio 2014 -  vi sono 622 domande.

Leggi tutto...

Terremoto, in Garfagnana ancora 150 fuori dalle case

copertinasismagiugnoSe li ricordano tutti, come fossero scolpiti per sempre nella mente e nel cuore, i calcinacci crollati dai tetti o dalle facciate delle case. Le loro case, che hanno, in molti casi, dovuto abbandonare. Costretti a lasciare le loro abitudini, spinti dalla violenza di un terremoto che per 149 persone non è concluso nel passato, ma è come continuasse nel presente. Eppure dalle 12,30 del 21 giugno 2013 (Articolo, foto e video) è trascorso ormai quasi un anno: per queste persone, in tutto 75 famiglie sparse nei comuni più colpiti della Garfagnana, il sisma di un'estate fa è ancora una “emergenza”. Le loro case sono inagibile e un'ordinanza vieta loro di farci ritorno. Ospitati da amici o parenti, hanno tutti dovuto cambiare la loro vita. Per queste persone l'ultima doccia fredda arriva dalla Corte dei Conti, che ha bloccato i 5 milioni di euro destinati ai contributi per i danni provocati proprio da quel sisma, inizialmente previsti nella legge di stabilità (Leggi). L'incertezza del passato, diventa così lo sgomento del presente.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

assicurazione auto quixa

Una nuova assicurazione auto e moto a un ottimo prezzo e un consulente personale pronto ad aiutarti.
Fai un preventivo Quixa.

 

Contatti

Per contattarci

mailicona email redazione@luccaindiretta.it

telefonoicona telefono 346.6194740

Per la tua pubblicità

mailicona email commerciale@luccaindiretta.it

Newsletter