Quantcast

Allo Sky Stone and Songs arriva la compilation 391 Toscana

I Diatriba e i The Garden sono gli alfieri di Lucca nella compilation 391 Toscana che raccoglie le testimonianze musicali della scena underground e new wave degli Anni Ottanta nella nostra regione e che sarà presentata giovedì (18 giugno), alle 21,30 allo Sky Stone and Songs in piazza Napoleone (ingresso libero). Pubblicata dalla Splitte Records, la compilation comprende due cd interamente dedicati alla scena new wave toscana: chi si ricorda di quegli anni o ne vuole conoscere la storia, lo potrà fare attraverso i suoi protagonisti. All’incontro, infatti, prenderanno parte il critico musicale Vittore Barone, il fondatore della Splitter Records, Simone Finguelli, il curatore della compilation, Michele Ricci e David Picchi di Italian Rock Buster. Presenti anche i protagonisti lucchesi della compilation e, cioè, i membri dei Diatriba e dei The Garden.

Il progetto 391 nasce oltre trent’anni fa, nel 1983, con l’intento di fotografare l’underground musicale italiano. La scelta del nome voleva essere un omaggio all’omonima rivista dadaista di New York, redatta dal pittore e poeta Francis Picabia e l’intento era quello di organizzare geograficamente il materiale musicale, scandagliando i gruppi new wave e post-punk, regione dopo regione. Una mappatura dell’Italia musicale più marginale e spigolosa, con l’intento di rappresentare la scena più radicale del nuovo rock. Nonostante il moltissimo materiale raccolto, il progetto si interruppe dopo soli due anni e la pubblicazione dei primi due volumi che riguardavano le Marche e l’Umbria.
Con l’entrata in scena della Spittle Records, il progetto riprende forma, perfino ampliando i propri confini, al fine di essere ancora più esaustivo, riprendendo così il viaggio nell’underground più profondo e facendo (ri)scoprire piccole/grandi perle della scena musicale italiana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.