Ljd 2015 apre con i talenti al femminile – Foto foto

Ha preso il via oggi (10 settembre) l’undicesima edizione di Lucca Jazz Donna, il festival dedicato al mondo del jazz al femminile. Il Festival organizzato dal Circolo Lucca Jazz con la collaborazione del Comune di Lucca e della Provincia di Lucca, con il sostegno del Comune di Capannori, dalla Regione Toscana, della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Banca del Monte di Lucca, ha esordito con una tavola rotonda intitolata Quando la passione diventa professione, dedicata ai talenti al femminile.

Ospiti a Palazzo Ducale, Emiliana Martinelli, designer, Talitha Ciancarella, libraia, Federica Gennai, cantante jazz, e Cristina Puccinelli, attrice e regista. L’incontro è stato moderato dalla giornalista Anna Benedetto. Le professioniste hanno parlato ciascuna della propria professione e delle proprie difficoltà nell’affrontare una carriera, da un punto di vista personale e femminile. “Spesso la carriera artistica – ha commentato una delle ospiti della tavola rotonda, Federica Gennai, cantante e musicista – non è considerata una vera professione ed è difficile continuare a far diventare la propria passione, musicale, nel mio caso, il mezzo di sostentamento quotidiano. A volte bisogna reinventarci o scendere a dei compromessi non sempre professionalmente desiderabili”. “Il mondo dell’architettura, del design – ha sottolineato Emiliana Martinelli, designer e architetto – è costellato di uomini. Pochissime sono le donne che riescono ad emergere. Le donne, in quasi tutti i tipi di carriera, non è che non vengono prese in considerazione, ma stentano ad emergere. I grandi nomi, per il momento, continuano a rimanere maschili”.
Per dar luce e ascolto proprio al mondo femminile ed in particolare al mondo delle giovani donne è stato pensato proprio questo festival, come ha spiegato il presidente del Circolo Lucca Jazz, Vittorio Barsotti. “Il Festival – chiarisce Barsotti – nasce con l’idea di promuovere il jazz in modo diverso; non si pone in antitesi con gli altri festival e, se nel suo genere non è unico, certamente è raro. Nel nostro festival ci sono anche musicisti uomini, ma le leader indiscusse sono le donne. Quest’anno abbiamo avuto qualche difficoltà a reperire le risorse, tanto che abbiamo perfino dubitato di poter organizzare il festival. Ringraziamo gli enti e le organizzazioni che ci hanno coadiuvato affinché questa manifestazione potesse aver luogo. Per la prossima edizione ci aspettiamo un salto di qualità, dato che in questa undicesima edizione ci sono importanti sorprese e novità”.
E’ per volere del direttore artistico del Festival, Patrizia Landi, che incontri come quelli di oggi affiancano la programmazione dei concerti. “Mi piace che sia data un’attenzione particolare – ha specificato – alla vita personale e alla professionalità delle artiste; questa professionalità viene portata avanti con grandi difficoltà, soprattutto in ambito artistico- musicale. Nel mondo del jazz, le donne solitamente vengono considerate in qualità di cantanti, ma poco come musiciste o compositrici.” “Il nostro – continua – è un Festival a tutto tondo, con grande attenzione anche al sociale”. L’ingresso agli eventi sarà infatti gratuito, ma sarà possibile dare dei contributi alle associazioni partner dell’iniziativa.
Durante la tavola rotonda di oggi è stata esposta anche un’anteprima della mostra fotografica Jazz in Pink di Cinzia Guidetti che inaugurerà la propria personale a Palazzo Ducale questo sabato (13 settembre) alle 17,30. Tra gli interventi delle ospiti si sono esibiti gli Skinshout composti da Gaia Matteuzzi alla voce e Francesco Cusa alla batteria.

Simona Alfani

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.