I carristi e la ‘ndrangheta: “Ecco come la raffigureremmo”

La ‘Ndrangheta, la mafia più ricca ma anche più invisibile del mondo, ha ispirato i carristi del Carnevale di Viareggio, i quali davanti a una telecamera, hanno dato libero sfogo alla loro creatività e al loro talento immaginando un ipotetico carro di Carnevale a tema mafia e illegalità.

Il video della durata di 2’30” è realizzato dalla stessa Fondazione Carnevale di Viareggio. I costruttori del Carnevale di Viareggio hanno raccontato il loro modo di concepire l’arte, spiegando come questa possa diventare il mezzo per affrontare anche temi di stretta attualità, in chiave satirica.
Alla domanda “Se dovessi affrontare il tema della ‘ndrangheta a cosa penseresti?” i costruttori viareggini individuano in essa una sorta di male assoluto a cui è necessario dare un’immagine che contribuisca a una presa di coscienza collettiva.
La memoria del carrista Fabrizio Galli ritorna al 1984 e alla grande Idra utilizzata per rappresentare la mafia, la ‘ndrangheta, e la camorra in lotta con le maschere della commedia dell’arte, realizzata da suo padre Renato e fatta sfilare sul lungomare di Viareggio.
“Sicuramente farei un carro pieno di sangue, pieno di situazioni dure – così se lo immagina Roberto Vannucci, che aggiunge – non farei cose banali ad esempio il mafioso con la coppola. Affronterei direttamente il problema con immagini molto forti perché attraverso il Carnevale gli spettatori capiscono che certe rappresentazioni servono”.
Originale anche la proposta di Marzia Etna di raffigurare la ‘Ndrangheta come una grande pianta di edera che si ramifica, si espande e soffoca tutto quello che trova davanti al suo percorso. C’è anche Luca Bertolozzi che non nasconde la difficoltà di riportare su una costruzione “un male che è parte di noi”. Tra le proposte avanzate c’è anche quella di Enrico Vannucci uno dei maestri della cartapesta che allestirebbe il carro con un water e una grande mano a rappresentare gli italiani, nel gesto di tirare lo sciacquone per buttare via tutto lo sporco, il male e l’odio che porta la ‘Ndragheta. Tuttavia c’è una voce che esce fuori dal coro, quella di Umberto Cinquini, contrario a dare ulteriore visibilità all’organizzazione mafiosa in un evento così importante come è il Carnevale di Viareggio per il rischio di mitizzare i delinquenti.

Sostieni l’informazione gratuita con una donazione

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.