Una canzone di Joe Natta per i giovani della rivoluzione ungherese

Una canzone per celebrare il 60esimo anniversario della rivoluzione ungherese del 23 ottobre 1956. Ha accettato di comporla Joe Natta su proposta di Filippo Marchini di Assoarma Lucca.

Una canzone “per ricordare – spiega Marchini – i giovani ungheresi che combatterono contro forze soverchianti per affermare il loro grido di libertà. In particolare la abbiamo dedicato ai difensori del Cinema Corvin a Budapest, uno dei punti nevralgici della rivolta e dei combattimenti, dove ragazzi di 15 anni tennero testa ai carri sovietici, sotto la guida di Lázló Kovacs e Gergely Pongratz. Una storia poco nota in Italia. Un ringraziamento a Lázló Galánthay e all’ambasciatore d’Ungheria in Italia Péter Paczolay, che – scrive Marchini – ci ha onorato anche stavolta del patrocinio della sede diplomatica”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.