Lucca Jazz Donna, gran finale con Bridgewater – Foto foto

Straordinario successo per il gran finale di Lucca Jazz Donna ieri sera (6 novembre) al complesso di San Francesco. Una stella ha brillato incantando la sala gremita raccontandosi in una Conversazione speciale e poi esibendosi in concerto. L’onore della chiusura del festival è toccato a Dee Dee Bridgewater, un’artista che con i suoi 65 anni ha attraversato quasi mezzo secolo di jazz.

Nella sua quarantennale carriera, ha vinto Grammy e Tony Award, facendosi apprezzare sia per i suoi brani originali che per le sue elegantissime riletture dei classici. Ha fatto parte della leggendaria Thad Jones/Mel Lewis Big Band e negli anni Settanta si è esibita con Max Roach, Sonny Rollins, Dexter Gordon e altri giganti.
Apprezzata soprattutto per il suo modo di interpretare il repertorio di Billie Holiday, la signora del jazz torna in Italia insieme ad una band di giovanissimi leoni, capitanati da Theo Croker, il trombettista scoperto proprio dalla Bridgewater che sta conquistando le platee di mezzo mondo. Un’energia unica quella di Dee Dee Bridgewater che trova nuova linfa nel confronto con il groove e la forza dirompente dei suoi compagni di viaggio – Michael King al piano, Eric Wheeler al basso, Kassa Overall alla batteria e Anthony Ware al sax – insieme ai quali ha presentato alcuni brani tratti dal suo ultimo lavoro discografico Dee Dee’s Feathers, un disco dedicato a New Orleans in memoria della tragedia dell’uragano Katrina.
Foto di Riccardo Vannelli – www.riccardovannelli.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.