Nicola Lattanzi professore a Imt, padre si dimette da Flafr

Tutto si può dire ma non che il tempismo non sia stato perfetto. Il professor Nicola Lattanzi, 54 anni, è il nuovo professore ordinario di economia aziendale dell’Imt di Lucca. Questo l’esito della selezione affidata alla commissione giudicatrice esterna, composta dai professori Stefano Adamo, Luisa Pulejo e Alberto Incollingo che ha valutato i curriculum dei due candidati presentatisi per il ruolo, riunitisi lo scorso 9 maggio dopo aver ricevuto i documenti il 3 aprile.

Nicola Lattanzi, come è noto, è il figlio dell’ex presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, Arturo Lattanzi, che, oltre a non ricoprire più il ruolo di numero uno dell’ente di San Micheletto la settimana scorsa si è dimesso anche dalla presidenza della Fondazione Lucchese per l’Alta Formazione, per eliminare, anche se ex post, ogni “fumus” di conflitto di interesse.
La nomina era comunque nell’aria da tempo e non aveva mancato di provocare polemiche, approdate anche sulle testate nazionali. La stessa, però, è stata formalizzata proprio al momento in cui Arturo Lattanzi non ha più nessuno incarico ufficiale né in Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, né nella Flafr, che è uno degli enti finanziatori della scuola di Alti Studi Imt con fondi provenienti proprio dalla fondazione bancaria. Tempistica perfetta, si diceva, senza nulla togliere alle qualità e alla capacità del professor Nicola Lattanzi, già professore ordinario all’università di Pisa e senza dubbio con un curriculum vitae all’altezza del ruolo cui è stato chiamato. La questione, aperta a ogni tipo di commento, resta sempre quella dell’opportunità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.