Amore, sesso e disabilità: se ne parla in San Micheletto

Mercoledì prossimo (5 giugno) dalle 16 alle 19, all’auditorium di San Micheletto, si terrà un incontro sulla diversità patrocinato dal Comune di Lucca, in collaborazione con l’associazione Sculpsit Lucca, la Fondazione il Sole onlus di Grosseto e Familiarmente Famiglie & Kids. Il titolo dato all’incontro è Ma non siamo tutti diversi? e sarà l’occasione per parlare dell’affettività e della sessualità delle persone disabili prendendo spunto dal romanzo di Stefano Tofani Fiori a rovescio, uscito lo scorso anno per i tipi della casa editrice Nutrimenti. Interverranno, oltre all’autore del libro, l’assessore alle poliche sociali del Comune di Lucca, Lucia Del Chiaro; la pedagogista clinica Alessandra Giuntoli; Mirco Trielli di Familiarmente, lo storico Lorenzo Orsi, la poetessa Lorella Ronconi e gli studenti delle scuole superiori della provincia di Lucca. Coordinerà l’incontro il professore e scrittore Luciano Luciani. 

“Fiori a rovescio – spiega il professor Luciano Luciani – non è un romanzo sulla disabilità e forse proprio per questo riesce a parlarne nel modo giusto, con la leggerezza di chi tocca le cose da lontano e con la sincerità con cui si dovrebbero trattare tutti i temi importanti. Enrico, un ragazzo tetraplegico, non è il protagonista del romanzo. Nella storia ha la stessa rilevanza degli altri personaggi: il fratello maggiore, il padre e la madre, la ragazza di cui s’innamora, ognuno dei quali con una propria storia. Se tuttavia s’impone significa che porta alla luce un tema che si tende ad ignorare: quello dell’affettività e della sessualità delle persone disabili. Un tema che coinvolge non solo le persone con disabilità ma anche le famiglie, gli amici, le associazioni. Un tema – conclude Luciani – che sempre più chiede di essere affrontato e discusso, anche nelle scuole superiori, ma che purtroppo non ha ancora ricevuto un’attenzione adeguata presso le istituzioni. Ne parleremo senza ipocrisie, partendo dal romanzo e arrivando ad ascoltare testimonianze dirette. Convinti che le storie e i libri possano avere ripercussioni sulla realtà e che possano smuovere silenziosamente le coscienze”.
L’ingresso è libero. Per informazioni: 347.1066695 o 349.4374435.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.