Wonder women, Heroides in scena al S. Girolamo

Al via il prossimo appuntamento di Wonder Women, la rassegna di danza, musica, teatro, cinema e incontri dedicata alle donne a cura di Spam!: domani (8 novembre) alle 21 al Teatro San Girolamo di Lucca con Heroides, spettacolo che vede la regia di Elena Bucci, regista, attrice, drammaturga, pluripremiata, in collaborazione con Marco Sgrosso. Heroides è uno spettacolo tratto da Heroides di Ovidio, una raccolta di epistole composte da Ovidio tra il 25 ed il 16 a.C. circa. Il testo è costituito da 21 lettere d’amore che si immaginano scritte da famose eroine ai loro mariti, fidanzati o amanti. Donne innamorate, abbandonate o tradite: lo spettacolo è un viaggio nel mito classico sfizioso, intrigante e sempre attuale, in cui l’amore diventa protagonista di un’opera tutta al femminile. 

“Pensando a questo tempo turbolento, – racconta Elena Bucci – alla molteplice e viva realtà di Koreja e a questo gruppo di sei attrici creative e autentiche, tutte guidate da un forte spirito di collaborazione e ascolto, ma anche tutte molto diverse tra loro, ho pensato ad un’opera strana e avvincente di Ovidio, nella quale potessimo immergerci con curiosità e libertà, misurandoci con quello sguardo verso il passato che ispira e illumina il presente nei momenti di cambiamento e trasformazione, sia che si tratti di un passato biografico che della cultura e della storia dell’umanità”. 
Lo spettacolo è una produzione di Koreja, in collaborazione con Le belle bandiere. Elena Bucci, regista, attrice, autrice, fra i più recenti riconoscimenti: il Premio Hystrio – Anct 2017, l’ Ubu 2016 e il Premio Eleonora Duse 2016; si è formata nel Teatro di Leo de Berardinis partecipando a tutti gli spettacoli del gruppo. Ha fondato con Marco Sgrosso la compagnia Le Belle Bandiere a Bologna dove crea spettacoli, cura rassegne e progetti di formazione e diffusione del teatro. Wonder women è un tributo a tutte le donne che hanno avuto la tenacia, il talento e la fortuna necessarie ad emergere e lasciare un segno nella storia delle arti e del pensiero. Una moltitudine così vasta e varia da essere oggettivamente irrappresentabile. Questa rassegna presenta dunque una costellazione, necessariamente parziale, di figure femminili diversissime per generazione, linguaggi, ambiti culturali, formazione e provenienza geografica. Danzatrici, attrici, registe, coreografe, drammaturghe, studiose e pensatrici che, nella inevitabile parzialità delle scelte, intendono rappresentare la sterminata ricchezza dell’apporto femminile al mondo della cultura. Durante la rassegna andranno in scena donne austriache, olandesi, lussemburghesi, svizzere, libanesi e iraniane, così come naturalmente molte italiane; si parlerà di una delle più grandi e innovative coreografe del ‘900, americana, morta purtroppo qualche anno fa, e di una costellazione di figure femminili nate nell’Europa dell’est fra la fine del 19esimo secolo e l’inizio del 20esimo, che hanno combattuto con incredibile energia per un mondo meno iniquo. Wonder women è quindi un atto simbolico, un gesto di gratitudine e riconoscenza rivolto a tutte le donne, note o sconosciute, che hanno contribuito e contribuiscono con coraggio all’evoluzione del pensiero. Wonder women è una rassegna curata e realizzata da Aldes, con il patrocinio e la collaborazione dei Comuni di Lucca e Capannori, con il sostegno di Regione Toscana, Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e Repulp.
Biglietti. Ingressi 10 euro; ridotto studenti 7 euro. Info prenotazioni: 3483213504 – 3483213503 – residenze@spamweb.it – info@spamweb.it

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.