Al via la terza edizione del premio letterario via Francigena

‘Intanto parto… racconti e parole in cammino’ presentato stamani dagli assessori Barni e Ciuoffo

Intanto parto… racconti e parole in cammino: è questo il titolo della terza edizione del premio letterario via Francigena, presentata stamattina (13 dicembre) a palazzo Strozzi Sacrati a Firenze.

L’iniziativa, promossa da Betti Editrice in collaborazione con Aevf (Associazione europea delle vie Francigene) e Regione Toscana, si rivolge a racconti inediti di autori, esordienti e non, che sappiano raccontare il viaggio ed i cammini con un nuovo punto di vista. Non il classico diario di viaggio, ma un racconto che sappia snodarsi tra realtà e finzione, mettendo in luce qualcosa che va oltre il pellegrinaggio in senso stretto e abbraccia storie di persone e luoghi.

Alla presentazione dell’edizione 2019 presenti la vicepresidente della Regione Monica Barni, l’assessore regionale al turismo Stefano Ciuoffo e Luca Betti, editore e ideatore del Premio Francigena.

“Leggere – ha detto la vicepresidente Barni – stimola a cercare anche un contatto con i luoghi che sono narrati. E a volerli raccontare una volta percorsi e vissuti. L’iniziativa in questione è molto bella, anche perchè lega insieme tante politiche della Regione: da quelle che si occupano fisicamente di investire, per fare della via Francigena uno dei maggiori cammini a livello nazionale e internazionale, fino a quelle che puntano alla sua valorizzazione dal punto di vista culturale. Tra queste anche il suo inserimento nella lista propositiva nazionale del patrimonio Unesco. Al premio di oggi si legano inoltre tutte le azioni sul versante culturale che stiamo portando avanti come ad esempio il patto per la lettura, che cerca di unire tante istituzioni, enti ed associazioni per promuovere la lettura, l’editoria, in particolare quella indipendente, e quindi anche la scrittura”.

“Una terza edizione – ha aggiunto l’assessore Ciuoffo – che affrontiamo con interesse e piacere perché il lavoro fatto negli anni precedenti si sta consolidando, accumulando memorie, stimoli e sollecitazioni su racconti ed esperienze di viaggio. E questo è sicuramente il dato forse più affascinante rispetto alla memoria sui cammini che ci portiamo dietro. Raccontare, scrivere e immaginare storie è senza dubbio un’esperienza che sollecita la fantasia, arricchisce culturalmente e che attiene soprattutto all’esplorazione esistenziale. Quello che abbiamo letto finora ci da un riscontro oggettivo di ciò che innesca la voglia di fare un cammino. Come può essere quello su un tratto toscano della Francigena. E’ la ricerca interiore che attraverso la scrittura diventa memoria collettiva. Un arricchimento che spinge a riflettere, a meditare, a una ricerca spirituale che si affianca all’esperienza fisica e alla scoperta del paesaggio”.

“Un premio di narrativa – ha concluso Luca Betti – che è stata una scommessa vinta: nelle due edizioni passate non abbiamo ricevuto scontati diari di viaggio, ma racconti capaci di emozionarci, e di trasmetterci l’importanza del cammino – e della narrativa – come ponte tra le culture”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.