Convegni, musica e spettacoli. Una serata alla scoperta del Machiavelli

Ritorna l'appuntamento con la Notte bianca dei licei classici

Sarà fitto il programma di appuntamenti per la Notte bianca dei licei classici, che si terrà venerdì (17 gennaio) e che vedrà coinvolto anche quest’anno l’istituto Machiavelli. Iniziative al via alle 18 nell’aula magna dell’istituto (da poco restituita alla scuola dopo i lavori condotti dalla Provincia di Lucca) e che arriverà fino alle 24, in contemporanea con tutti gli altri licei.

All’apertura, dopo i saluti della dirigente scolastica Mariacristina Pettorini e delle autorità presenti, seguiranno letture comuni e proiezioni di video che illustrano e caratterizzano questo corso di studi a cui farà seguito una conferenza tenuta dalla dottoressa Silvia Marcucci, presidente della locale Società Dante Alighieri, dal titolo Boccaccio commenta Dante.

Dopo una breve pausa, in cui comunque la scuola resterà aperta, avrà luogo, intorno alle 20,45, sempre in aula magna, la rappresentazione di due tragedie interamente curate dagli studenti delle classi quinte. Quest’anno andranno in scena Antigone di Sofocle a cura degli studenti della VA e Le Baccanti di Euripide a cura degli studenti della VB. Seguirà poi l’esibizione del coro della scuola e, per finire, le letture di testi poetici con accompagnamento musicale sul tema Luce ed Oscurità. A chiudere l’intera serata, la lettura dei primi trentotto versi dell’Agamennone di Eschilo, brano scelto come momento finale comune per tutte le scuole partecipanti.

Ma non saranno solo le attività che si svolgeranno nell’aula magna ad essere protagoniste della serata, perché gli studenti del Machiavelli hanno in serbo anche altri intrattenimenti dislocati in alcune delle aule di Palazzo Lucchesini, come ad esempio quella dedicata al bicentenario della scuola, da poco celebrato con una tre giorni di studio e di eventi che hanno ricordato la figura di Maria Luisa di Borbone, fondatrice del Liceo reale universitario, poi divenuto appunto liceo classico dopo l’Unità d’Italia; da ricordare anche lo staff mascherato da personaggi celebri del passato che animeranno la loggia e lo scalone monumentale per accogliere i visitatori, fino ad un complesso musicale di studenti che intratterrà gli ospiti nei momenti di pausa tra un’attività e l’altra. Naturalmente il gabinetto di scienze naturali sarà aperto a tutti coloro che vorranno visitarlo e le sue sale saranno illustrate dagli studenti della cooperativa scolastica Arcadia, che lo cura e lo gestisce.

Sarà una notte, dunque, per capire come la letteratura ed il pensiero in genere degli antichi abbiano lasciato tracce profonde ed indelebili nella nostra civiltà, di come essi siano capaci di rivivere tra noi anche all’insegna del divertimento e del piacere di trascorrere insieme una serata sicuramente diversa dalle altre.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.