I diari dell’internato Guidugli si svelano alla Fondazione Crl

Fu fatto prigioniero in Grecia dopo la disfatta di Capo Matapan

Il diario dell’internato militare Fosco Guidugli si presenta alla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca domani (28 gennaio).

“Trovata nella notte una zattera molto danneggiata e già occupata da altri naufraghi vi sono rimasto 27 ore finché un caccia greco non mi ha preso”. Così, dal disastro di Capo Matapan, iniziano i diari di Fosco Guidugli (Massa 1907 – Viareggio 2001), quando il 28 marzo 1941 sull’incrociatore Fiume è colpito e ferito dalla salva partita dall’ammiraglia inglese Warspite e si getta in acqua poco prima che la grande nave dopo un forte sbandamento affondi alle ore 23,15.

Naufrago, prigioniero di guerra in Grecia, liberato dagli alleati tedeschi, di nuovo prigioniero degli ex alleati, dopo l’8 settembre 1943, deportato in Germania e in Polonia e da Internato militare utilizzato come lavoratore coatto negli ultimi due anni del conflitto, Fosco Guidugli ci ha lasciato un prezioso diario di memorie, oggi editato a cura di Patrizia Fornaciari (Questa guerra tanto rovinosa per tutto il mondo, dai diari di Fosco Guidugli edito da Pacini Fazzi.

Come lui tanti internati militari nei lager sentirono e subirono le accuse di tradimento da parte della popolazione tedesca per l’uscita dell’Italia dalla guerra e per effetto della propaganda nazista. La diffidenza in patria, però, verso chi, come lui, rientrava dai campi di prigionia in Germania o in Polonia è stata percepita da Guidugli come ingiusta incomprensione ed è stata vissuta con delusione perché lontana da quanto immaginato durante i due anni di prigionia.

La presentazione del volume (promossa dagli Amici del Machiavelli con il patrocinio dell’associazione nazionale reduci dalla prigionia e dall’internamento dalla guerra di Liberazione), si terrà domani (28 gennaio) alle 17 nell’auditorium Da Massa Carrara della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

Introduce con il saluto dell’amministrazione comunale di Lucca il presidente del Consiglio comunale Francesco Battistini anche per sottolineare il legame con la cerimonia che ha visto in Consiglio comunale di Lucca il ricordo e la testimonianza dei deportati militari italiani, in occasione del Giorno della memoria. Dopo l’intervento della direttrice della Biblioteca statale di Lucca Monica Angeli, colloquieranno sui temi del libro il presidente dell’Associazione Machiavelli Paolo Razzuoli e la curatrice Patrizia Fornaciari. A seguire una interessante conferenza del professor Luca Curti (Università di Pisa) dal titolo Prima divisione nella notte. La battaglia di capo Matapan secondo Gadda attraverso la quale Curti rievocherà la forte narrazione di Gadda che mette in scena nel racconto che da titolo alla conferenza la sua esperienza della seconda Guerra Mondiale nelle drammatiche ore della sanguinosa battaglia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.