In San Micheletto il documentario sul magnate filantropo Gettys

Nuovo appuntamento con "L'arte sullo schermo"

Grande partecipazione di pubblico, sabato scorso, per l’avvio della rassegna L’arte sullo schermo, l’ormai tradizionale ciclo di proiezioni di video e documentari sull’arte organizzato dalla Fondazione Ragghianti nei mesi invernali, a cura di Alessandro Romanini, con il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio e in collaborazione con il Lucca Film Festival – Europa Cinema.

Per il secondo appuntamento della rassegna, sabato (8 febbraio) sarà proposto, per la prima volta con sottotitolazione in italiano (realizzata appositamente per l’occasione), il documentario Gettys: The world’s richest art dynasty, del regista David Shulman (2018, 74 minuti). Prodotto dai Bbc Studios, attraverso materiali d’archivio inediti il film analizza il forte impatto culturale di tre generazioni della famiglia Getty, dal capostipite, Jean Paul Getty, petroliere, filantropo e grande collezionista d’arte, ai due discendenti: Gordon, compositore, e Mark, fondatore dell’impero mediatico Getty Images, che in prima persona raccontano la storia di questa vera e propria “dinastia”.

La visione del documentario sarà introdotta da Maria Flora Giubilei, storica dell’arte, componente del comitato scientifico della Fondazione Ragghianti.

La proiezione avrà luogo, a ingresso gratuito, nella Sala conferenze Vincenzo da Massa Carrara nel complesso di San Micheletto a Lucca, con inizio alle 17,30. Considerando il grande afflusso di pubblico che si è registrato nei precedenti appuntamenti della rassegna, si consiglia di arrivare in orario o con anticipo per trovar posto a sedere.

 

 

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.