Puccini, serata di gala a Siviglia per incentivare il turismo

Il Puccini e la sua Lucca festival conferma la data andalusa. Colombini: "Reagiamo così alla psicosi coronavirus"

Il binomio Lucca – Puccini non si ferma per l’allarme coronavirus e, anzi, rilancia a Siviglia con Puccini Opera Gala: si intitola così il grande concerto in programma per giovedì 5 marzo (dalle 19,30) nel salone del Grand Hotel Alfonso XIII. L’evento – che si colloca nell’ambito del programma Puccini in the world – è organizzato dal Puccini e la sua Lucca international festival ed è patrocinato dal ministero degli esteri, da Confindustria Toscana Nord, dalla Camera di Commercio di Lucca, dalle Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte di Lucca, dal Comune di Lucca e da Lucca Promos. L’avvenimento, inoltre, rientra a pieno titolo nell’ambito di The Lands of Giacomo Puccini.

Il programma del Puccini in the world parte dunque dall’incantevole capoluogo andaluso, inviando un messaggio forte: una grande promozione internazionale per Puccini, per Lucca, per le terre della Lucchesia e per tutto il sistema turistico locale. Un’azione che scavalca la psicosi da coronavirus, come spiega il presidente e direrettore artistico del festival, Andrea Colombini: “Saremo a Siviglia per il quinto anno di fila – ricorda –  ospiti della più importante struttura alberghiera di Spagna. Non ci sono problemi da parte delle autorità spagnole per l’effettuazione dell’evento: anzi, ci aspettano a braccia aperte”.

In programma c’è un concerto di musica pucciniana, unito ad una cena con degustazione di vini della fattoria Terre del Sillabo di Giovan Pio Moretti e quelli della Fattoria Carlesi Zucconi. Il Puccini Opera Gala prevede arie e duetti tratti dai capolavori del maestro ed interpretati dai solisti Pascale Coulombe (soprano) e Giovanni Cervelli (tenore), accompagnati al pianoforte dal maestro Diego Fiorini. La performance sarà presentata proprio da Colombini, che aggiunge: “L’appuntamento servirà anche per incontrare i tour operators spagnoli, sempre più interessati a Lucca e alla Toscana, soprattutto in questo momento di crisi. La loro presenza, e quella delle autorità, è stata garantita anche grazie al lavoro di The Luxury Hotel in the world e del Gruppo Marriot, e all’impegno del Consolato generale italiano a Siviglia. Si comincia così – conclude – a reagire al fenomeno coronavirus, per arginare il più possibile quello che è stato fatto di male a livello di comunicazione e per cercare di portare in giro nel mondo l’immagine di Lucca e di Puccini, in modo da rilanciare tutto il sistema turistico – economico di Lucca e delle terre della lucchesia”.

La trasferta in terra iberica sarà anche l’occasione  per presentare i nuovi pacchetti turistici che il Puccini e la sua Lucca Festival, con la collaborazione di due tour operator, ha orchestrato per Lucca e per Torre del Lago. La volontà è infatti quella di essere fortemente presenti su Lucca e sulla Versilia, per coadiuvare la promozione complessiva che si colloca nell’ambito di The Lands of Giacomo Puccini.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.