Quantcast

Al via la macchina organizzativa per le celebrazioni dei 100 anni dalla morte di Puccini

La ricorrenza cadrà nel 2024. Il sogno di Tambellini: "Un'accademia internazionale di canto intitolata al Maestro"

Nel 2024 il mondo intero celebrerà una ricorrenza molto importante: tra due anni infatti ricorreranno i 100 anni dalla morte del grande maestro Giacomo Puccini, scomparso a Bruxelles il 29 novembre del 1924. In questi giorni la macchina organizzativa per celebrare al meglio questo evento si sta mettendo in moto e dovrà, per forza di cose, vedere riunite allo stesso tavolo le due principali realtà del territorio che custodiscono la preziosa eredità del Maestro: la Fondazione Giacomo Puccini di Lucca e il Festival Pucciniano di Torre del Lago. A sottolineare questo aspetto il sindaco di Lucca, Alessandro Tambellini nella sua veste di presidente della Fondazione Giacomo Puccini.

“Dobbiamo iniziare già oggi a lavorare per questa ricorrenza con la creazione di un comitato promotore – ha detto il primo cittadino nel corso di una seduta congiunta delle Commissioni cultura e partecipate -. Inizieremo un dialogo con Viareggio, Pescaglia ed anche con Massarosa che ha chiesto di partecipare. Queste celebrazioni non possono prescindere da un dialogo con Torre del Lago: d’altronde le nostre attività sono complementari, loro lavorano d’inverno, noi d’estate”.

Tambellini poi lancia anche delle suggestioni: “A mio avviso – ha detto il primo cittadino – dovremmo tutti impegnarci e fare delle pressioni politiche affinché il Parlamento approvi una legge speciale apposita per queste celebrazioni, in modo che abbiano delle ricadute positive anche per il territorio, a differenza di quanto accaduto nel 2008 con i festeggiamenti per i 200 anni dalla nascita. Penso, ad esempio ad un’accademia internazionale di canto. Sarebbe una scuola di perfezionamento, con posti limitati (30 o 40) che potrebbe sorgere nei locali che Imt recupererà in via Brunero Paoli. Sarebbe il giusto tributo al maestro e la degna conclusione di questo percorso”.

Un’altra suggestione è stata lanciata dal direttore della Fondazione, Massimo Marsili: “Noi dialoghiamo con tutte le principali istituzioni culturali ed economiche cittadine, inclusa Lucca Crea – ha spiegato -. Purtroppo, progetti di comarketing con Lucca Comics & Games finora non hanno funzionato molto perché il programma del festival è talmente intenso che lascia poco spazio ad altre attività. Con Emanuele Vietina (direttore generale di Lucca Crea, ndr) però, da tempo stiamo lavorando ad un progetto che coinvolga artisti di fama internazionale interessati a trasformare le opere di Puccini in fumetti. Finora non ci siamo riusciti ma è un progetto che stiamo portando avanti”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.