Colombini: “Se rispetteremo le regole ne usciremo presto”

Il presidente del Puccini e la sua Lucca Festival fiducioso in vista della ripresa del turismo

Il Puccini e la sua Lucca International Festival continua a guardare con energia positiva al futuro prossimo, anche in un momento complesso, proponendosi ancora una volta come il principale polo per la promozione del Maestro e della città nel mondo. I concerti – sospesi in ottemperanza alle disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri – verranno ripresi non appena saranno ridotte o cancellate le misure di sicurezza imposte.

“Abbiamo già pronto il nostro programma per la tarda primavera/estate – commenta Andrea Colombini, presidente e direttore artistico della manifestazione – così come, del resto, per i prossimi due anni di attività. Abbiamo già contattato i nostri cantanti, che rimarranno tutti nella squadra, per continuare con l’ormai celebre formula vincente dei concerti quotidiani”. Colombini ricorda infatti che, anche in previsione di una ripresa dei mercati, i tour operators si stanno già muovendo a medio termine per tornare a Lucca con la garanzia degli spettacoli pucciniani, primo motivo di attrazione cittadino”.

“Attualmente – dichiara Colombini – abbiamo una quarantina di gruppi prenotati che non hanno disdetto, tutti posizionati nel periodo tra giugno e ottobre. Questo – spiega – in considerazione del fatto che la stagione dei concerti si prolungherà naturalmente, anche fino a novembre e dicembre”. Perciò il Festival auspica che la città sia aperta, anche in questi mesi, a ricevere il pubblico che cerca la musica di Puccini, la bellezza, l’arte e tutti i motivi che rendono Lucca famosa nel mondo.

“Restiamo – prosegue il presidente – la principale attrattiva spettacolare della città lungo tutto il corso dell’anno: vogliamo continuare sempre di più in questa direzione. Anche – aggiunge – in forza di un grande progetto di promozione turistica, Puccini in the world, che prenderà il via non appena sarà superata l’emergenza”.

L’iniziativa gode già del patrocinio ufficiale del Ministero degli affari esteri, di Confindustria Toscana nord e di tutti gli enti territoriali lucchesi all’unisono: Comune, Fondazioni Cassa di Risparmio di Lucca e Banca del Monte di Lucca, Camera di Commercio, Fondazione Giacomo Puccini e Lucca Promos.

“Quello di Lucca e Puccini – specifica Colombini – sarà il primo binomio ad essere promosso nel mondo una volta superata questa fase. Malgrado quello che è successo, Lucca resta al centro dell’interesse dei tour operator per la sua arte, la sua bellezza e per quel Giacomo Puccini che rappresenta il più grande fenomeno in assoluto, conosciuto da 1 miliardo e 800 milioni di persone nel mondo. Il Coronavirus non ci fermerà: andiamo avanti e combattiamo per la difesa del sistema turistico, culturale, economico cittadino e delle Lands of Giacomo Puccini”.

“Se rispetteremo le regole – conclude Colombini – tutto si risolverà presto e nella maniera migliore. Ringraziamo tutti gli enti che ci sostengono, continuando a nutrire la consapevolezza che Lucca e Puccini costituiscono l’unico vero binomio vincente nel mondo: ci farà risollevare anche da questa crisi”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.