Annullato per il coronavirus il Chamber Opera Festival

Ma ci saranno 4 pomeriggi musicali in diretta streaming

Il Chamber Opera Festival, programmato nel Teatro di San Girolamo durante il mese di maggio, è stato rinviato a causa delle disposizioni ministeriali legate al coronavirus. Lo comunica l’associazione Cluster di musica contemporanea che lo organizza.

Il Festival, organizzato in collaborazione col teatro del Giglio, Fondazioni Crl e Bml, Fondazione Puccini, Lucca Classica Festival, Ema Vinci Records, prevedeva quattro appuntamenti pomeridiani con otto prime mondiali di opere-studio provenienti dal Puccini International Opera Course del 2019, organizzato sempre dalla Cluster.

Per dare continuità al Festival la Cluster, in collaborazione con il Teatro del Giglio e la Ema Vinci Records, che nell’edizione dell’anno passato ha prodotto il video del Festival, realizzerà una diretta streaming organizzata dalla stessa Ema Vinci di quattro pomeriggi musicali con cadenza settimanale e sempre di sabato alle 17. Si tratta dei prossimi 9-16-23-30 maggio.

Quanto prima verrà comunicato il link per collegarsi alla piattaforma. Gli appuntamenti musicali saranno introdotti dal presidente della Cluster, Francesco Cipriano e dal direttore artistico Girolamo Deraco oltre a prevedere collegamenti con vari Paesi del mondo dove abitano i musicisti che hanno composto le opere-studio andate in scena l’anno passato (Paraguay, Messico, Russia, ecc.) oltre a collegarsi con i compositori italiani che illustreranno brevemente le loro composizioni.

I quattro appuntamenti riporteranno i titoli originali dell’anno passato. In dettaglio: Opera Ironica il 9 maggio con Two beats or not two beats psico-opera da camera per soprano, clarinetto e pianoforte di Marco Smoni. Plan B minimodramma ludico per soprano, clarinetto e pianoforte di Girolamo Deraco. Il Pappatacio ovvero l’incontro, scena semiseria da camera o da caffè per soprano, clarinetto dialogante e pianoforte di Silvia Marchetti . Titolo del pomeriggio musicale del 16 maggio sarà Opera Indigena e prevede l’opera da camera Pitentzin, per tenore e live electronic di Eduardo Caballero e l’opera da camera in due scene Nomongeta di Diego Sánchez Haase .

Il 23 maggio avrà per titolo Opera Visionaria con Epitaffi sparsi di Ennio Morricone e lo spettacolo À la vie per pianoforte, videoproiezioni e foto-suoni di Riccardo Piacentini. Completa il pomeriggio musicale Sei metri quadrati per voce, soprano, attore pianista e live electronic di Luigi Esposito. Ultimo appuntamento col Festival, dal titolo Opera Sensoriale, è in programma sabato 30 maggio, sempre alle ore 17, con la presentazione dell’opera The pit and the pendulum per soprano, live electronic e chitarra di Victoria Frances Young. Seguirà l’Aria Scherzosa di Aldo Tarabella per soprano e chitarra, per finire con “Luoghi” per oggetti risonanti e chitarra di Alberto Gatti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.