Il duo Ardinghi-Canino chiude il ‘Festival Opera Barga’ alla chiesa di San Francesco

In programma con gli ertisti di violino e pianoforte musiche di Mozart

Il duo formato da Paolo Ardinghi (violino) e Bruno Canino (pianoforte) chiude domenica (27 settembre) alle 18, nella chiesa di San Francesco, la sezione lucchese del Festival Opera Barga 2020, un cartellone di quattro appuntamenti prodotti e promossi dall’associazione culturale Opera Barga e dal Teatro del Giglio.

In programma, tre sonate di Wolfgang Amadeus Mozart: K 301 in Sol Maggiore (Allegro con spirito, Allegro), K 376 in Fa Maggiore (Allegro, Andante, Rondeau – Allegretto grazioso) e K 454 in Si b Maggiore (Largo-Allegro, Andante, Allegretto).

Gli artisti

Paolo Ardinghi, nato a Soest (Germania), si è diplomato con il massimo dei voti e la lode all’istituto Boccherini di Lucca sotto la guida del padre. In seguito ha studiato principalmente con Franco Gulli ed ha frequentato master class di Mirco Pezzini, Tibor Varga, Angelo Stefanato, Pierre Amoyal, Regis Paquier, Maya Jocanovich, Piero Toso e all’accademia Chigiana di Siena con Uto Ughi. Ha interpretato concerti  solistici collaborando con orchestre italiane ed europee sotto la direzione di: Wolfart Schuster, Walery Soroko, GianPaolo Mazzoli, Marco Severi, Fabio Pacciani ed altri. Spaziando dal repertorio Barocco di Tartini, Nardini  Vivaldi e  Bach, ai classici di Mozart, Haydn, Chevalier de Saint George, ai concerti romantici di Beethoven, Mendelssohn e Brahms.  Collabora con pianisti come Hector Moreno, Leonardo Bartelloni, Federico Nicoletta eseguendo tra l’altro l’integrale delle Sonate di Beethoven, Brahms, Schumann e Grieg.

Dal 2006 collabora con il celebre pianista Bruno Canino con il quale tra l’altro si è  esibito per “la Settimana internazionale di musica da camera a Copenaghen ed  inciso in cd  le Sonate di Grieg e Fauré, attualmente distribuito per l’etichetta Da-Vinci Classics. Collabora inoltre come solista con illustri musicisti, ricordiamo il doppio concerto di Bach con Alessandro Cappone (primi violini Filarmonica di Berlino) ed il triplo concerto di Beethoven con Bruno Canino pianoforte ed Andrea Nannoni al violoncello. Come prima parte di orchestre da camera italiane, si è esibito in tutta l’Italia, Francia, Inghilterra, Germania e Olanda; toccando città come: Londra, Parigi, Anversa, Monaco di Baviera. Insegna quartetto e violino all”istituto superiore di studi musicali L. Boccherini di Lucca.

Bruno Canino, nato a Napoli, ha studiato pianoforte e composizione al Conservatorio di Milano, dove poi ha insegnato per 24 anni; e per dieci ha tenuto un corso di musica da camera al Conservatorio di Berna. Come solista e pianista da camera ha suonato nelle principali sale da concerto e Festivals di tutta Europa, in America, Australia, Giappone, Cina. Da cinqunt’anni suona in duo pianistico con Antonio Ballista e da trenta fa parte del Trio di Milano. Collabora con illustri strumentisti come Salvatore Accardo, Uto Ughi, Pierre Amoyal, Itzahk Perlman, Viktoria Mullova. Dal 1999 al 2002 è stato direttore della sezione musica della Biennale di Venezia. Si è dedicato in modo particolare alla musica contemporanea, lavorando, fra gli altri, con Pierre Boulez, Luciano Berio, Karl-Heinz Stockausen, Greorgy Ligeti, Bruno Maderna, Luigi Nono, Silvano Bussotti, di cui spesso ha suonato opere in prima esecuzione. Ha suonato sotto la direzione di Abbado, Muti, Chailly, Sawallisch, Berio, Boulez con orchestre come la Filarmonica della Scala, Santa Cecila di Roma, Berliner Philarmoniker, New York Philarmonia, Philadelphia Orchestra, Orchestre National de France. Numerose le sue incisioni discografiche: fra le più recenti ricordiamo le Variazioni Goldeberg di Bach, l’integrale per piano di A. Casella e quella di C. Debussy di cui sono usciti i primi due cd (Stradivarius). Ha tenuto masterclasses di pianoforte solista e musica da camera in Italia, Germania, Giappone, Spagna; da più di venticinque anni partecipa al Marlboro Festival negli Stati Uniti.

Biglietti: posto unico 10 euro. La biglietteria del Teatro del Giglio, per il concerto del duo Canino-Ardinghi, osserverà i seguenti orari: sabato (26 settembre) dalle 10 alle 13 (teatro), domenica (27 settembre) dalle 15 alle 16,30 (teatro) e dalle 17 alle 18 (San Francesco).

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.