Storie e leggende delle Alpi Apuane, uscito il libro di Paolo Fantozzi

Raccolta completa ed esauriente dell’insieme delle numerose testimonianze orali

È uscita lo scorso 15 settembre la nuova edizione del libro del professore lucchese Paolo Fantozzi dal titolo Storie e leggende delle Alpi Apuane (Apice Libri, collana: Tuscania).

Si tratta di un lavoro completamente riveduto, ampliato, aggiornato con nuove integrazioni alle note e corredato da acquerelli realizzati dall’autore come pure la copertina di questo lavoro. Il testo si presenta come una raccolta completa ed esauriente dell’insieme delle leggende popolari e delle numerose testimonianze orali che l’autore ha raccolto in molti anni di ricerca sul campo dalla viva voce degli abitanti dell’area apuana.

“Per ogni vetta delle Apuane – spiega Paolo Fantozzi – vengono illustrate le storie e le leggende che la caratterizzano. Nella seconda parte vengono presentate storie relative al Linchetto, al Buffardello, alla Capra Ferrata, al Senz’ossi e altre figure paurose; inoltre leggende di santi, briganti, eremiti, guerrieri, tesori nascosti che fanno parte delle nostre tradizioni popolari. Le leggende e le storie presentate nel volume hanno origine dalla natura selvaggia di questi monti che ha ispirato la fantasia degli antichi abitanti dei monti: l’Omo Morto disegnato dalle Panie, il Pisanino, il monte Forato, le giunchiglie del monte Croce, gli streghi della Tambura, i tesori nascosti sul monte Gabberi, il bosco del Fatonero. Ci sono però anche altre storie dell’eterna lotta fra il bene contro il male, di vita povera e dura, di avarizia e generosità, di fede e di amore, di tesori e di maledizioni. Sono questi alcuni degli elementi che caratterizzano le storie e le leggende delle Alpi Apuane. Storie non scritte, ma trasmesse da padre in figlio, che riprendono la loro voce in queste pagine. Nascono da rocce che sono l’essenza del tempo e raccontano l’identità più autentica della nostra gente e del nostro territorio. Storie che conservano il candore stupefatto, la genuinità rustica, quel sapore di tradizione antica, il mistero e la paura che da quando esiste il piacere di raccontare si mescolano deliziosamente nell’animo di chi ascolta, legge, guarda”.

L’autore

Paolo Fantozzi è insegnante di lingua e letteratura inglese presso il Liceo Scientifico “Antonio Vallisneri” di Lucca, e si occupa da anni di letteratura inglese e americana, di didattica della lingua inglese, di folklore, di storie locali e pittura ad acquarello. E a proposito di essere appassionato di letteratura popolare orale, ha raccolto dalla viva voce degli anziani le numerose testimonianze rendendole poi leggibili nelle varie pubblicazioni edite tra le quali ricordiamo, la raccolta di racconti Le Voci della Memoria (2000) e i volumi per la casa editrice Le Lettere: Le leggende delle Alpi Apuane (1999), Storie e leggende della montagna lucchese (2001), Storie e leggende delle colline lucchesi (2003), Storie e leggende della Versilia (2005), Storie e leggende lungo il Serchio (2007) e Racconti e tradizioni popolari delle Alpi Apuane (2012).

Ha inoltre curato l’antologia di racconti di scrittrici inglesi e americane Short Stories by Women Writers (Loescher, 2007). Mentre per Apice libri ha pubblicato Rupi e boschi incantati. Le fiabe delle Alpi Apuane (2016), Storie e leggende dei Monti Pisani (2018) e adesso questa nuova edizione del settembre 2020 appunto Storie e leggende delle Alpi Apuane. Inoltre nel 2019 ha tenuto la prefazione al libro Chi ha paura del Linchetto?, il primo libro del cantautore lucchese Joe Natta e la band Leggende Lucchesi scritto in collaborazione con Alessio Del Debbio, tra l’altro il professore è anche il mentore del cantautore che sta portando avanti il progetto musicale Le Leggende Lucchesi ovvero il far conoscere questo costume folcloristico attraverso la canzone.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di Lucca in Diretta, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.